22 minuti, Trama del Film Stasera su Italia 1

Su Italia 1 il film d'azione russo "22 minuti". La trama del film tratto da un fatto realmente accaduto.

Alle 21:20 su Italia 1 andrà in onda un film d’azione russo: 22 minuti, il quale è basto su un fatto realmente accaduto. Questa pellicola è un film dal cast e dalla produzione interamente russa. Uscito nel 2014, è stato diretto da Vasily Serikov e la sceneggiatura è stata sviluppata da Igor Porublyov. In Italia il film è arrivato per la televisione solo nel 2016. Prima di dedicarci all’anticipazione della trama del film proposto questa sera su Italia 1, cerchiamo di capire a quale evento realmente accaduto, si ispiri il film.

22 minuti, film tratto da una storia vera

Un gruppo di pirati somali assalì il 5 maggio 2010 una petroliera russa, la MN Moscow University, nell’Oceano Indiano che si muovevano verso la Cina, così impadronendosene. L’equipaggio rimase incolume e riuscirono in tempo a dare l’allarme. Al seguito la nave dei “Marshal Shaposhnikov andò in soccorso della petroliera e si scontrarono con i pirati.

22 minuti: la trama

Il film ripresenta (con piccole eccezioni) la vera storia accaduta quel maggio del 2010. Nella pellicola non si parla di petroliera, ma di una gasiera russa, che viene assalita nel golfo di Aden da una banda di pirati somali. L’equipaggio, formato da 23 uomini, accorgendosi del pericolo, si rifugiano nella sala comandi riuscendo a dare l’allarme.

Nel frattempo però, la nave è ad alto rischio esplosione, per la sua particolare tipologia di costruzione, se viene a contatto con armi da fuoco o fiamme libere. Tutti su quella nave sono in pericolo. La marina russa, sul cacciatorpediniere Marshal Shaposhnikov, si mette in moto per intervenire il prima possibile. La situazione, già grave e pericolosa, sembra essere fuori controllo.

Laureata in Filosofia, sta per concludere la sua seconda laurea magistrale in Studi teatrali e del cinema alla Ludwig-Maximilians-Universität, di Monaco di Baviera. Originaria di Roma, ha vissuto a Berlino, Monaco e Parigi, dove ha studiato all’università Sorbonne. Appassionata di cinema, teatro, spettacolo e storia dell’arte. Nella scrittura unisce la riflessione teorica appresa dalla filosofia e l’amore per le arti.