Attentato Strasburgo: morto il reporter italiano Antonio Megalizzi

Il ragazzo lavorava per Europhonica.

attentato strasburgo morto megalizzi

Non ce l’ha fatta il reporter italiano, Antonio Megalizzi, ferito nell’attentato ai mercatini di Natale di Strasburgo.

“E’ una notizia che ci rattrista molto – ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che ha appreso della morte di Megalizzi durante la conferenza stampa dopo il consiglio Ue – un pensiero di grande affetto e molto commosso va alla sua ragazza, ci dobbiamo unire tutti in questo dolore”.

Il giorno dell’attentato il ragazzo si trovava a Strasburgo per seguire per Europhonica le sedute plenarie del Parlamento europeo.

Megalizzi, 28 anni, era stato raggiunto da un colpo alla testa e le sue condizioni erano apparse da subito molto gravi. Ricoverato in rianimazione presso l’ospedale di Hautepierre della città francese, le sue condizioni avevano lasciato poche speranze. Un proiettile lo aveva raggiunto alla base del cranio, molto vicino al midollo spinale. I medici lo avevano definito non operabile. Era arrivato a Strasburgo domenica scorsa per seguire l’assemblea plenaria dell’Europarlamento. Dopo la laurea a Verona si era specializzato in studi internazionali all’università di Trento e stava seguendo un master sulle istituzioni europee.

Attentatore ucciso

Proprio ieri, durante un blitz delle forze dell’ordine, è stato ucciso l’attentatore dei mercatini di Natale. La caccia all’uomo è terminata ieri notte con la morte di Cherìf Chekatt. Il ragazzo si era rifugiato nel suo quartiere d’origine. Chekatt si era rintanato in un deposito in località Plaine des Bouchers e impugnava una pistola e un coltello.