Blitz anti-camorra, sequestrato centro commerciale: Sindaco in fuga

Morte Stefano Cucchi, Sospesi i Carabinieri accusati dell'Omicidio 1

Continua il lavoro delle forze dell’ordine per mettere le mani e sequestrare i beni appartenenti alle organizzazioni criminali dei casalesi con un blitz anti.camorra. Nella giornata di oggi sono state 24 le persone arrestate, tutte coinvolte in un’inchiesta che ha portato all’arresto del sindaco di Trentola Ducenta, almeno a parole, visto che attualmente è in fuga. Sotto inchiesta ecco il centro commerciale Jambo di Trentola Ducenta, il quale negli anni è diventato una vera e propria banca per il clan, con il valore del centro commerciale che si è impennato a 60 milioni di euro in poco tempo.

Nell’inchiesta ecco anche l’ex sindaco Nicola Pagano, il responsabile dell’ufficio tecnico del comune e l’imprenditore proprietario del centro commerciale Jambo Alessandro Falco. Attualmente le indagini sono ancora in corso Ecco le parole dei pm che stanno mandando avanti le immagini: “Alessandro Falco era il custode della liquidità della famiglia Zagaria e per conto del boss gestiva i rapporti imprenditoriali e politici. L’imprenditore incontrava il padrino dei Casalesi durante la sua latitanza per recepirne le direttive. Era il suo alter ego”. Spunta addirittura una clamorosa notizia, ovvero la modifiche delle buste degli appalti per dare vita al centro commerciale. Queste sarebbero state aperte anzitempo per consentire agli imprenditori vicini a Zagaria di conoscere in anticipo le somme indicate dalle imprese concorrenti.

LEGGI ANCHE:

Allarme terrorismo in Campania: trovata bandiera ISIS a Sarno