Calcolo IMU-TASI 2015, Corriere della Sera: Sette cose da sapere

ISCOP, Elenco dei Comuni: cos'è e dove si paga l'imposta di scopo

La scadenza del 16 giugno 2015 è alle porte e sempre più italiani sono alle prese con il calcolo dell’Imu e della Tasi dato che entrambe le componenti della Iuc (imposta unica comunale) sono in autoliquidazione. Il Corriere della Sera in un suo articolo ha voluto aiutare i contribuenti italiani mettendo in evidenza sette cose da sapere per adempiere al proprio obbligo.

Il noto quotidiano ha messo innanzitutto in evidenza come il Fisco si accinga ad incassare tra Imu e Tasi ben 12, 4 miliardi di euro. Il secondo utile consiglio è quello di mettere in evidenza che l’Imu anche per il 2015 non si paga sulle abitazioni principali tranne quelle cosiddette di lusso (cat. A1,A8,A9). Il terzo punto riguarda tutti gli altri immobili che sono soggetti all’imposta municipale propria.

Il quarto punto riguarda il come effettuare il pagamento entro il 2015, cioe’ versando il 50% del dovuto annuale, mentre il restante 50% dovrà essere versato a dicembre. Il quinto punto invece spiega come si effettua il calcolo con un esempio pratico. Gli ultimi due punti invece riguardano la Tasi.

Sulla tassa sui servizi indivisibili viene innanzitutto messo in evidenza che a pagare sono sia i proprietari che gli inquilini e che si paga su tutte le abitazioni principali (salvo diversa deliberazione dell’amministrazione comunale). Infine il settimo e ultimo punto riguarda come si paga l’acconto Tasi e le regole da rispettare, in pratica sono le stesse dell’Imu.

Leggi anche: