Chi è Luca Casarini? Capo missione della Mare Jonio

Chi è Luca Casarini finito al centro del caso Mare Jonio dopo le accuse del Ministro dell’Interno Matteo Salvini

Luca Casarini

La nave Mare Jonio ha iniziato a sbarcare i migranti a Lampedusa dopo aver sostato dinanzi l’isola per diverse ore e subito il sequestro da parte della Guardia di Finanza. Il primo naufrago a scendere sulle coste italiane è un minorenne, a breve toccherà agli altri quarantanove che verranno per adesso presi in custodia dalle forze dell’ordine. È stata la Procura di Agrigento ad autorizzare lo sbraco e disporre il sequestro probatorio della Mare Jonio con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, nelle prossime ore l’equipaggio dell’imbarcazione verrà ascoltato dalle autorità competenti come appreso da fonti del Viminale. Il Ministro degli Interni Matteo Salvini, già coinvolto nel caso Diciotti, a tal proposito ha dichiarato:<< Ho informazioni, faccio il Ministro, è certo che questa imbarcazione non abbia soccorso naufraghi che rischiavano di affogare ma sia inserita in un traffico di esseri umani, organizzato, concordato e programmato>> seguito da Luigi Di Maio che ha rincarato la dose affermando:<< questa nave ha disobbedito alla Guardia di Finanza libica e ha messo a rischi la vita 49 persone attraversando il mare fino a Lampedusa. Se le navi ONG non rispettano le regole bisogna fermarle perché mettono a rischio la vita dei migranti>>.

La controversia in mare

L’imbarcazione Mare Jonio avrebbe agito in maniera sconsiderata in questa operazione di salvataggio secondo l’ammiraglio Ayob Amr Ghasem, portavoce della Marina Libica, secondo il quale l’ONG è rea di non aver preso contatto con le autorità libiche procedendo autonomamente al salvataggio scegliendo poi di navigare deliberatamente verso Lampedusa nonostante il divieto di approdo. L’imbarcazione nello specifico ha intercettato i migranti in acque libiche prima che potesse intervenire la motovedetta locale per poi scegliere di dirigersi in Italia violando la direttiva del Ministero degli Interni.Un intervento che come detto in precedenza ha scatenato l’ira di Matteo Salvini che non ha affatto digerito lo sbarco:<< Questa non è stata un operazione di salvataggio. Questo è favoreggiamento dell’immigrazione clandestina>> ed è andato dritto accusando Luca Casarini e i centri sociali di favoreggiamento all’immigrazione invocando per loro esemplari pene.

Chi è Luca Casarini?

Luca Casarini è attualmente il capo della missione che ha soccorso in mare i quarantanove naufraghi, e in tutti questi anni si è distinto per un costante impegno nel sociale. Nasce in Veneto, precisamente a Mestre nel 1967 figlio di operai. Dopo aver conseguito un diploma di perito termotecnico a Padova inizia a frequentare il mondo dei centri sociali. Divenuto famoso durante le proteste nel nord Italia con le celebri tute bianche, prima di divenire i Disobbedienti intervenuti nelle manifestazioni del G8 tenutosi a Genova nel 2001. Proprio dal G8 Luca Casarini inizia la sua parabola discendente nel mondo undergorund venendo accusato dal movimento di opportunismo e di aver pubblicato un libro con la Mondadori di Silvio Berlusconi. Nel 1999 a Padova si candida anche alle elezioni comunali  e diviene il consulente di Livia Turco, allora Ministro della Solidarietà del governo Prodi. Nel 2014 scende in campo alle europee con la lista L’altra Europa con Tsipras senza venire eletto, mentre l’anno successivo entra nella presidenza di SEL che guida verso la trasformazione in Sinistra Italiana. Nel 2017 decide allora di seguire la sua compagna a Palermo dove si stabilisce e crea uno spazio di coworking, lui stesso si definisce così:<< Quarantasette anni, due figli piccoli e una compagna a Palermo dove vivo da qualche anno. La mia biografia professionale è un caleidoscopio: ho fatto il facchino, ho lavorato nei trasporti, il programmista regista Rai, il cuoco, il fonico per concerti. Ora a Palermo con altri abbiamo creato uno spazio di coworking. Tutta la mia vita però è stata accompagnata dall’impegno politico e sociale: 30 anni fa dentro i centri sociali, poi nei movimenti No Global, da Seattle a Genova. E poi le lotte per il diritto all’abitare, contro il nucleare, contro la devastazione ambientale, contro il razzismo istituzionale, contro chi nega il diritto ad un sapere condiviso>>. Oggi il controverso Luca Casarini dirige le operazioni in mare dell’imbarcazione Mare Jonio sempre convinto dei suoi ideali ed in perenne lotta con le istituzioni.