Attualità

Corea del Nord News: bombardieri Usa sorvolano il confine

Continua la guerra fredda tra Donald Trump e Kim-Jong-un. Ieri una flotta di bombardieri B-B1 Lancer, scortati da altri caccia F-15C, ha sorvolato le acque internazionali al confine con la Corea del Nord.

L’intervento aereo rappresenta, secondo quanto dichiarato dal Pentagono, la dimostrazione che “il presidente Usa ha molte opzioni militari per sconfiggere ogni minaccia”. Si tratta di un chiaro messaggio da parte di un presidente che non ha intenzione di togliere il piede dall’acceleratore; la minaccia di “Rocket Man”, soprannome di Kim-Jong-un attribuitogli dallo stesso Trump, è stata evocata a più riprese dal tycoon newyorkese, in particolare su Twitter, per legittimare sanzioni e operazioni militari nei confronti di Pyongyang; e infatti parlando in Alabama, avvisa che il mondo non può avere “un piccolo pazzo che spara missili sugli altri. Qui stiamo parlando di armi di distruzione di massa e non possiamo permettere che qualcuno metta il nostro popolo in pericolo”.

Una missione suicida

La risposta dalla controparte non si è fatta attendere: dopo aver definito quella di Trump una “missione suicida” Ri Yong Ho, ministro degli esteri nordcoreano, è intervenuto all’assemblea generale dell’Onu, dichiarando che “se dovesse succedere qualcosa al nostro popolo, le conseguenze saranno oltre ogni aspettativa”. Al momento il lancio di un missile sul territorio americano pare “ancora più inevitabile” secondo quanto riferito da Ri Yong Ho.

Alleanza anti-americana

Intanto il regime di Pyongyang ha spedito una lettera ad alcuni paesi – la cui identità non è stata fatta trapelare dalla stampa nordcoreana – nel quale vengono esortati a fermare “Trump ed il disastro nucleare” in nome di valori quali “Indipendenza, giustizia e pace”.

In quest’ottica l’appello di Pyongyang risulterebbe rivolto alla comunità internazionale; gli stati membri sono invitati a costituire un fronte comune per “impedire le mosse spericolate degli Stati Uniti di fare precipitare il mondo nel disastro nucleare”. Non stupisce la replica del presidente Usa che lo ritiene “un insulto inaccettabile” e minaccia di “distruggere totalmente la Corea del Nord”.

L’orientamento assunto dal neopresidente della Casa Bianca è stato confermato anche dal portavoce del dipartimento di difesa Usa, il quale ha sottolineato “la serietà con cui gli Stati Uniti prendono i comportamenti sconsiderati della Corea del Nord”. Nel frattempo al confine con la Corea settentrionale sono in corso esercitazioni congiunte tra aviazione statunitense e sud-coreana.

Tag

Matteo Parigi

Classe 1996. Studio scienze politiche e relazioni internazionali all'università Cesare Alfieri di Firenze, dove sono nato e cresciuto.
Back to top button
Close
Close