Attualità

Coronavirus in Campania, moduli di terapia intensiva a Napoli, Caserta e Salerno

Vincenzo De Luca ha annunciato l'arrivo di nuovi moduli di terapia intensiva nei prossimi giorni contro il Coronavirus in Campania.

La Regione Campania ha indetto una gara di appalto per l’arrivo di moduli per la terapia intensiva per gestire l’emergenza Coronavirus.

Nel corso della sua diretta Facebook di oggi Vincenzo De Luca, oltre a chiedere la militarizzazione delle città, ha annunciato che la Regione Campania ha indetto in tempi molto veloci una gara per l’acquisto di moduli di terapia intensiva. L’aggiudicataria della gara è stata un’impresa di Padova che si è impegnata a fornire in tempi tre moduli per la terapia intensiva da 24 posti letto che saranno distribuiti tra Napoli, Caserta e Salerno.

Moduli per la terapia intensiva in Campania

I moduli della terapia intensiva sono sostanzialmente dei prefabbricati in cui è possibile allestire posti di terapia intensiva da aggiungere a quelli normali degli ospedali. Dopo i tre moduli che andranno a Napoli, Caserta e Salerno ne arriveranno altri che dovranno andare a potenziare il Loreto Mare di Napoli trasformato in centro contro il Covi-19. Questi moduli dovrebbero essere forniti di ventilatori polmonari che però non è facile procurarsi in tempi brevissimi.

Quando arrivano i ventilatori polmonari

Secondo quanto riferito dal governatore De Luca la Regione ha ordinato questi preziose apparecchiature dalla Cina ma sui tempi di consegna non c’è alcuna certezza. Per fortuna non tutti i contagiati da Coronavirus finiscono in condizioni tali da essere obbligati a usufruire dei ventilatori polmonari ma le difficoltà a reperire questi strumenti salvavita dovrebbero stimolare tutti a non uscire di casa e a rispettare tutte le regole di prevenzione

Lo scopo è quello di farsi trovare pronti quando il arriverà il picco di infezioni che potrebbe portare in dote addirittura 3000 contagiati solo in Campania. La speranza è che le sperimentazioni sul farmaco contro il Coronavirus diano ristoro alle terapie intensive permettendo loro di liberare velocemente posti o, addirittura, di evitare che tali posti siano occuapati.

Tag

Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.
Back to top button
Close
Close