Politica

Crisi di Governo, Conte: ”Salvini spieghi perché vuole interrompere”

Il premier Conte ha attaccato Matteo Salvini accusandolo di voler fare cadere il Governo per andare a elezioni.

Il Governo gialloverde sembra essere arrivato al capolinea: infatti, oggi si è aperta di fatto la crisi di Governo con le dichiarazioni di Matteo Salvini che ha preteso una verifica parlamentare che potrebbe essere il prologo alla fine della legislatura e all’inedito voto in autunno. Il premier Giuseppe Conte ha indetto una conferenza stampa straordinaria per parlare della situazione.

Giuseppe Conte: “Il Governo non era in spiaggia”

”Nel pomeriggio di ieri e questo pomeriggio ho incontrato il ministro Salvini che mi ha manifestato l’intenzione di interrompere l’esperienza di Governo. Ho già chiarito al ministro Salvini che farò in modo che questa crisi da lui innescata sarà la crisi più trasparente di sempre. Il passaggio istituzionale dovrà svolgersi davanti ai Parlamentari perché avevo promesso che la trasparenza sarebbe stato il tratto distintivo di questo Governo. Personalmente non considero il confronto tra governo e Parlamento un mero orpello ma la vera essenza di un democrazia parlamentare. Dal Parlamento ho ricevuto la fiducia e in Parlamento tornerò per la cessazione del mio incarico. Non spetta al ministro dell’Interno convocare le camere, al ministro dell’Interno, nella sua veste di Senatore e leader della Lega, spetterà spiegare al Paese le ragioni che lo hanno spinto a interrompere l’esperienza di Governo. Non permetterò che si alimenti la narrativa di un Governo che non opera, questo Governo non era in spiaggia ma era sempre a lavorare dalla mattina alla sera. Questo Governo si è sempre adoperato per realizzare progetti a favore di tutti gli italiani. Non posso accettare che sia svilito il cospicuo lavoro svolto dai parlamentari”.

Conte contro Salvini

Sono state parole abbastanza dure quelle di Giuseppe Conte che non ha esitato ad addossare le responsabilità della crisi di Governo a Matteo Salvini che sarebbe interessato a capitalizzare il consenso elettorale di cui gode. Il premier ha invitato il ministro dell’Interno a spiegare la sua scelta agli elettori e ha respinto le accuse di inattività.

Crisi di Governo: cosa succede adesso?

Le parole del premier Conte di questa sera sembrano chiudere le porte a ogni forma di rimpasto o di Conte bis: infatti, il capo del Governo ha dichiarato apertamente che vorrà andare davanti al Parlamento per mettere fine alla sua esperienza di Governo e questo può praticamente portare solo a nuove elezioni. Secondo i bene informati non si potrà andare in aula per una verifica parlamentare prima del 20 agosto.

Tag

Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close