Cristina D’Avena, concerto a Roma il 28 gennaio 2017: Biglietti e Scaletta

Puffale, il Significato dell'Hashtag su Cristina D'Avena

Nuova data dal vivo per la regina delle sigle dei cartoni animati, protagonista di uno show in grado di riportare il pubblico indietro nel tempo

Il “Semplicemente Cristina Tour” riparte, con l’attesissima prima data in programma nel 2017, dopo l’anteprima andata in scena al Teatro della Luna di Assago (MI) lo scorso 31 dicembre.

Cristina D’Avena sarà protagonista, il prossimo 28 gennaio, sul palco dell’Atlantico Live di Roma. L’artista sarà accompagnata dalla Db Day’s Band, un’orchestra di nove elementi, e da ben otto membri del coro Voices of Heaven“Suonare con una band dal vivo è un’esperienza molto gratificante – racconta la cantante bolognese – il segreto per raggiungere una buona alchimia è quella di rispettarsi molto a vicenda. Nessuno prevarica l’altro, ma insieme si trova una nuova formula. Sul palco saremo in venti. Il coro è molto numeroso e ti dà il giusto colore, il giusto sapore, è bellissimo. E quando senti il pezzo con il coro dal vivo ti emozioni. E’un concerto che ti porta indietro nel tempo e che restituisce la magia di quando eri bambino”.

Tra i brani in scaletta, le sigle cult dei cartoni animati che hanno fatto epoca: dai Puffi ad “Occhi di gatto”, passando per “Jem”Una spada per Lady Oscar”, “D’Artagnan e i moschettieri del re”, “Robin Hood”, “Memole dolce Memole”, “Pollon combinaguai”, “Mila e Shiro due cuori nella pallavolo”, “Che campioni Holly e Benji”, “La sui monti con Annette”, “Siamo fatti così”, “Tazmania”, “Ti voglio bene Denver”, “Magica, magica Emi”, “L’incantevole Creamy”, “E’ quasi magia Johnny”, “Il Mistero della Pietra Azzurra”, “Batman”, “Sailor Moon e il cristallo del cuore”, “Una porta socchiusa ai confini del sole”, “Rossana”, “All’arrembaggio” e tanti altri pezzi che hanno segnato la nostra infanzia.

Il prezzo dei biglietti, acquistabili nei punti vendita autorizzati e sul ticketone.it, varia dai 18 fino a 26 euro.

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica e spettatore interessato di tutto ciò che è intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.