Elezioni Comunali 2017: date, quando e come si vota

Nove milioni di italiani chiamati alle urne il prossimo 11 giugno. Le differenze e le modalità di voto tra comuni con più o meno di 15 mila abitanti

Come si vota nei Comuni fino a 3mila abitanti? 1

Elezioni comunali 2017 alle porte: 1005 i comuni in ballo, più di 9 milioni gli elettori chiamati ad esprimere la propria preferenza per il rinnovo dei consigli comunali e dei sindaci per i prossimi 5 anni. La data ufficiale delle elezioni è ormai nota a tutti: si voterà infatti solo l’11 giugno dalle 7 alle 23. Una sola giornata in cui gli elettori, presentando un documento d’identità e la propria tessera elettorale, potranno prender parte alle prossime elezioni.

Sugli oltre 1000 comuni chiamati alle urne, soltanto quattro sono capoluoghi di Regione. Si tratta di Palermo, Genova, Catanzaro e L’Aquila. Solo 25 i capoluoghi di provincia e, in particolare, si tratta di Alessandria, Asti, Belluno, Como, Cuneo, Frosinone, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto, Trapani.

Amministrative 2017: come si vota?

Il sistema di voto cambia, ovviamente, a seconda che si tratti di comuni con più o meno di 15 mila abitanti. Nel primo caso gli elettori avranno a disposizione soltanto una scheda con indicazione dei candidati alla carica di sindaco. Tuttavia gli elettori potranno: esprimere la propria preferenza votando soltanto la lista, esercitare il diritto al voto disgiunto votando quindi la lista e un altro candidato sindaco, votare solo il candidato sindaco senza esprimere preferenza per la lista collegata.

Per quanto riguarda invece le modalità di voto nei comuni con popolazione inferiore ai 15 mila abitanti, i cittadini dovranno esprimere voto congiunto. Lista e candidato alla carica di sindaco sono quindi collegati. L’elezione del Sindaco determinerà quindi la composizione del consiglio comunale: il candidato sindaco che conquisterà più voti determinerà l’attribuzione dei 2/3 dei seggi disponibili alla lista che lo sostiene.