Elezioni a luglio? Ecco quando si potrebbe tornare a votare

La formazione di un Governo sembra oramai cosa praticamente impossibile e, pertanto, si potrebbe tornare a votare a luglio.

ELEZIONI POLITICHE 2018

Non sembra aver dato frutti neanche l’ultimo giro di consultazioni del presidente della Repubblica Mattarella che, anche questa volta, ha dovuto fare i conti con la totale assenza di una minima intesa tra le forze politiche per dare vita a un nuovo Governo.

Sembra essere tramontata anche l’ipotesi di un cosiddetto ”Governo del presidente”, vale a dire un esecutivo guidato da un personaggio terzo alle varie compagini politiche sostenuto da una variegata maggioranza sulla base di precisi provvedimenti. A osteggiare maggiormente una simile soluzione sono stati i leader dei due principali schieramenti in campo: Movimento 5 Stelle e Centrodestra. A questo punto non sembra restare altra soluzione che un ritorno al voto che potrebbe avvenire per la prima volta nella storia repubblicana in estate, per l’esattezza l’8 o il 15 luglio.

Non sono in pochi a vedere di cattivo occhio un così rapido ritorno alle urne: infatti, c’è il forte rischio che si venga a ripresentare nuovamente una situazione simile a quella venuta fuori dal voto del 4 marzo, inoltre, il particolare periodo dell’anno in cui si aprirebbero i seggi potrebbe essere un ulteriore incentivo all’astensionismo, se già non bastasse quello della disaffezione alla politica che quanto successo in questi oltre due mesi non ha fatto altro che amplificare. Sia Di Maio che Salvini sperano che il buon risultato del 4 marzo possa essere ritoccato ulteriormente in positivo, mentre il PD, che non disdegnerebbe un po’ di opposizione per leccarsi le ferite del voto, teme un’ulteriore calo di consensi.

Insomma quella di un ritorno al voto in estate è un’ipotesi tecnicamente possibile ma con numerosi svantaggi. Un’ultima mediazione per la formazione di un Governo stabile sembra a questo punto saltata e, a meno di un exploit di uno dei due mezzi vincitori del 4 marzo, anche da un possibile ritorno al voto potrebbe non uscire una maggioranza degna di questo nome.

Pubblicato da Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.