Sport

Eurobasket, Italia-Finlandia 70-57: Azzurri ai Quarti di Finale

Grazie ad un primo tempo al limite della perfezione, l’Italia batte la Finlandia è vola ai quarti di finale dove sfiderà la vincente tra Serbia ed Ungheria.Nel secondo tempo gli uomini di coach Messina hanno notevolmente calato il loro livello di gioco e ciò ha procurato qualche piccolo patema d’animo, però nulla di eclatante, dato che i finnici, non sono mai sembrati davvero in grado di recuperare lo svantaggio e di vincere questa sfida.

Italia-Finlandia 70-57

Gli azzurri partono bene e, grazie a un’ottima circolazione palla, chiudono il primo quarto in vantaggio per 30-17. Nel secondo quarto gli uomini di Messina continuano a produrre una grande pallacanestro e volano sul +19 (48-29). Nel terzo quarto gli azzurri sembrano aver dimenticato tutte le loro qualità e segnano solo 10 punti, ma per fortuna gli avversari fanno poco meglio segnandone 13. Alla fine del terzo quarto l’Italia conduce di sedici punti sul 58-42. Il quarto quarto segue la falsa riga della terzo con gli azzurri che non giocano bene ma gestiscono il vantaggio, riuscendo e vincono per 70 a 57. A prescindere dal risultato di questa partita, contro i meno quotati avversari, fino ad ora, in questo Europeo, gli azzurri si sono dimostrati incapaci di giocare bene per tutta la durata di ogni singolo match. Permane il dubbio se i motivi siano specialmente fisici (Messina ruota praticamente a 9) o mentali, con Datome e compagni incapaci di mantenere la concentrazione per tutti i 40 minuti di gioco.

FIBA.COM

Italia-Finlandia 70-57: i promossi

Marco Belinelli: Autore di 22 punti con triple da distanza siderale, risulta immarcabile per i giocatori finlandesi.

Luigi Datome: Alcune giocate di assoluta tecnica, inoltre ormai stoppa anche l’aria.

Paul Biliga: Tanta energia ed alcuni bei canestri.

Italia-Finlandia 70-57: i rimandati

Daniel Hacket: Alcune buone giocate che però non gli valgono la piena promozione per quanto concerne questa sfida.

Nicolò Melli: Un ottimo primo tempo, ma un vistoso calo nel secondo tempo.

Italia-Finlandia 70-57: i bocciati

Ariel Filloy: Ci mette impegno ma risulta abbastanza confusionario.

Pietro Aradori: Sul parquet è risultato essere un fantasma.

Tag

Raffaele Ciriello

Sognatore per antonomasia, ritiene che la verità vada ricercata e non creduta per sentito dire. Appassionato di testi antichi i quali ritiene vadano letti per ciò che raccontano, senza volerne alterare il significato, con figure retoriche inesistenti, per veicolare una verità che non esiste. Poeta spesso malinconico. Ama definirsi "Destista"
Back to top button
Close
Close