Politica

Exit Poll e Proiezioni Elezioni Politiche 2018

Dopo circa cinque anni di “governo tecnico” finalmente si vota per eleggere il nuovo governo che guiderà l’Italia per i prossimi cinque anni. Si vota dalle 08:00 di stamattina anche se in alcune regioni come la Sicilia, a causa di un problema alle schede relativo alla stampa di queste ultime si è cominciato in ritardo. In queste ore si parla di exit poll, ma cosa sono? E soprattutto, quando saranno resi pubblici?

Gli Exit Poll e le Proiezioni, poi i primi dato dello spoglio

Dopo la chiusura dei seggi, inizia lo spoglio delle schede elettorali dalle quali verranno fuori le preferenze fino ad eleggere il nuovo governo. Dall’inglese “sondaggio all’uscita del seggio”, gli exit poll, permettono in tempo reale di far sapere i dati relativi alle preferenze degli elettori. Sono comunque dati non definitivi ma assolutamente provvisori, infatti bisognerà attendere lo spoglio dell’ultima scheda elettorale per decretare un possibile vincitore. Non si tratta di un sondaggio di opinione ma bensì di un sondaggio relativo alle elezioni dopo il voto.

Affluenza alle urne: il primo dato ufficiale

Gli attuali dati sull’affluenza alle urne, non sembrano essere proprio piacevoli. Stando ai dati relativi all’affluenza, alle ore 19:00 hanno votato il 58,52% degli aventi diritto, una percentuale leggermente in aumento almeno stando al 2013. Rispetto a quest’ultimo infatti, si registra un aumento di 12 punti in più. Ma ciò che si attende con maggiore trepidazione è il dato proveniente dagli exit poll.

Proiezioni ed Exit Poll: a che ora vengono resi pubblici?

Alle ore 23:00 si chiuderanno ufficialmente le urne e quindi avrà inizio lo spoglio regione per regione. Cosa succederà?  A partire dalle 23:00 infatti, saranno resi noti i primi exit poll che forniranno subito delle prime informazioni e probabilmente ci saranno anche delle sorprese. Nel 2013, i primi exit poll davano Bersani del PD in vantaggio su Berlusconi allora con il PDL, seguiti da Grillo del M5S. In seguito si creò una sorta di stallo politico risolto successivamente dal Presidente Napolitano con la formazione del governo Letta, ma gli exit poll fecero intravedere fin da subito quello che stava accadendo.

Tag

Giovanni Azzara

Studente in Teologia, appassionato di tutto ciò che riguarda la storia, in particolare quella della Chiesa e anche di giornalismo. Sognatore e visionario, speaker radiofonico e amante dell'arte in generale. Il mio sogno ? Diventare vaticanista! Twitter: @Azzarag91
Back to top button
Close
Close