Furgone investe Moto dopo lite: morta ragazza di 27 anni

Furgone investe moto a seguito di una lite nel torinese. Morta una ragazza 27-enne, in gravi condizioni il ragazzo alla guida del veicolo su due ruote.

Tragedia nel torinese, a Condove. Un furgone ha investito una moto a seguito di una lite verbale. Il ragazzo alla guida del veicolo a due ruote si trova in gravissime condizioni, la ragazza invece è morta. Il conducente del furgone, indagato per omicidio stradale, è stato sottoposto ad alcoltest risultando positivo, nel suo sangue più del doppio della quantità di alcol consentita.

Una lite per una precedenza non rispettata ha fatto scattare qualcosa nella mente di un uomo di 51 anni di Nichelino. Non si conosce ancora bene la dinamica dell’accaduto: secondo le prime ricostruzioni pare che il 29-enne e il 51-enne avevano discusso animatamente lungo il chilometro 24 del Monginevro, probabilmente a causa di un sorpasso azzardato o di una lieve collisione. Il ragazzo aveva dato un pugno sul furgone, prima di allontanarsi in gran corsa. L’uomo, Maurizio De Giulio il suo nome, ha iniziato un inseguimento contro i due ragazzi in moto (una Ktm) che si è concluso nel peggiore dei modi. Il De Giulio ha investito i due giovani e ucciso la ragazza, morta a seguito dell’incidente; è andata meglio, ma le sue condizioni sono comunque gravi, al ragazzo, trasportato in elicottero all’ospedale CTO di Torino.

È stato condotto in ospedale scortato dai carabinieri anche il 51-enne. Questi ha dovuto effettuare gli esami per verificare la presenza di alcol nel sangue: 1.15 è l’esito, più del doppio consentito. Maurizio De Giulio aveva bevuto e, con la sua folle corsa, aveva messo a rischio anche la vita della moglie e del figlio che viaggiavano con lui nel furgone. L’uomo è stato condotto quindi in caserma e pare avere anche un precedente: 7 anni fa, egli aveva provocato un incidente a Moncalieri e subito dopo si era scontrato contro i vigili urbani che volevano farlo salire in ambulanza. Anche allora, come ieri, l’uomo aveva bevuto. Il suo avvocato gli ha consigliato di non parlare con la stampa, l’unica dichiarazione rilasciata è “Sto malissimo”. Il De Giulio dovrà rispondere di omicidio stradale.

Elisa Elena Ferrero e Matteo Penna, questi i nomi dei due giovani travolti dalla follia del 51-enne, stavano rientrando da uno dei loro weekend estivi. Lei aveva 27 anni, lui di anni ne ha 29. Si conoscevano da quando erano bambini, ma l’amore era sbocciato solo un anno e mezzo fa. Matteo, già laureato, lavora come sviluppatore e coltiva la passione per la moto, una passione che la fidanzata aveva iniziato ad apprezzare e coltivare insieme, fino alla tragedia che, nella notte tra il 9 e il 10 luglio 2017, le ha strappato la vita, accartocciandone i suoi progetti.

Condividi
Nata l'11 dicembre 1990 a Catania e laureata in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi della città etnea. Ho iniziato a scrivere un po' per gioco nel 2012. La mia materia prima è il calcio, occhio però... più che i tacchetti preferisco indossare il tacco 12! Adoro la musica e mi diletto ad armeggiare tra i fornelli. Il mio piatto forte? Chiedetelo ai "miei" assaggiatori...