Giornata Mondiale dell’Ambiente: all’Expo Milano 2015 si festeggia

Giornata Mondiale dell'Ambiente: all'Expo Milano 2015 si festeggia

Per festeggiare la giornata mondiale dell’ambiente che si celebra il 5 giugno 2015 in tutto il mondo, l’ONU quest’anno ha scelto l’Expo di Milano, il tema scelto è: «Sette miliardi di sogni. Un pianeta. Consumare con moderazione». A presentarla a Expo Milano 2015 è arrivato il vice direttore generale dell’Onu e direttore esecutivo dell’Unep (United Nations Environment Programme), Achim Steiner insieme al ministro all’Ambiente, Gian Luca Galletti.
Ospite dell’evento anche il Capo dello Stato Sergio Mattarella, il quale ha fatto notare che il pianeta sta operando al 40% al di sopra della disponibilità della terra.

La Giornata mondiale dell’Ambiente indetta dalle Nazioni Unite chiama governi, comunità e singoli, a cercare di migliorare i propri modelli di consumo. Adesso l’umanità consuma risorse che equivalgono ad 1,5 pianeti, ciò vuol che la Terra impiega un anno e sei mesi per rigenerare quello che consumiamo in un anno. Questi modelli di consumo sono insostenibili per la terra e se rimarranno tali, entro il 2030, avremo bisogno di due pianeti per mantenere il nostro stile di vita. La sfida è quindi creare le opportunità per uno sviluppo sostenibile, cercando di stabilizzare l’utilizzo delle risorse per ridurne gli effetti sull’ambiente.

Sull’argomento le posizioni dell’ Europa e degli Stati Uniti sono molto diverse, l’Europa ribadisce che l’economia non può più ignorare la realtà, facendo finta di niente di fronte ai cambiamenti climatici e invita i paesi del G7 a seguire la strada per un futuro a zero emissioni. Di parere contrario gli Usa, che ricordano che il cittadino vuole pagare di meno per l’energia e non di più.
Appuntamento allora a Parigi a Dicembre per la Conferenza sul clima dove si tenterà di giungere ad un accordo sulla riduzione dell’emissioni di anidride carbonica almeno al 40% e sul raggiungimento del 27% dell’energia ricavata da fonti rinnovabili entro il 2030.

Leggi anche: