Ilva Taranto News: sciopero di tutti i dipendenti contro i licenziamenti

Lotta senza quartiere per gli operai del gruppo siderurgico italiano, uniti contro il piano di rilancio industriale, da Racconigi a Taranto, la posta è altissima: diritto al lavoro, dignità e speranze per un futuro.

Incidente Mortale all'Ilva: Morto Un Operaio

Oggi gli operai dell’Ilva sono scesi in strada per manifestare contro il piano industriale proposto dalla cordata AM InvestCo, vincitrice della gara per l’acquisizione di tutti gli stabilimenti del Gruppo, precedentemente di proprietà della famiglia Riva. Contemporaneamente al MiSe, l’incontro tra le parti veniva annullato per mano del ministro allo Sviluppo Economico, Carlo Calenda, reo di aver ricordato alla multinazionale indiana entrante, che in Italia, senza una garanzia accettabile su condizioni salariali e contrattuali, non è possibile aprire un confronto.

Il piano dell’Ilva

I rappresentanti dei vertici dell’Arcelor Mittal, presi in contropiede dal governo, dichiarano: “Siamo sconcertati e sorpresi dalla decisione inattesa del governo, ci siamo seduti al tavolo delle contrattazioni in buona fede, armati delle migliori intenzioni”. A giugno, i sindacati avevano esternato leggeri dubbi sulle suddette “migliori intenzioni”, che esaminate nel dettaglio, ad oggi, prevedono:

  • Licenziamento per circa 5000 operai, indotto escluso
  • Riduzione salariale del 20% per i “superstiti”
  • Perdita di migliaia di euro tra anzianità e premi, licenziando tutti i dipendenti e riassumendoli successivamente, sotto regime contrattuale a tutela crescente Jobs Act

Intanto gli operai di tutti gli stabilimenti incrociano le braccia, respingendo con forza il piano di rilancio proposto dalla multinazionale indiana, manifestando forti preoccupazioni per il loro futuro lavorativo e per la loro dignità, in un clima di crescente tensione ed incertezza. Rabbiose le reazioni dei sindacati, Cgil: “Siamo di fronte ad una provocazione alla quale risponderemo con una forte azione conflittuale”, in punta di fioretto anche la segretaria Fiom, Francesca Re Davide: “La Mittal si sta dimostrando arrogante, oltre che inaffidabile” mentre, arrivano parole di solidarietà dal ministro della Difesa, Roberta Pinotti: “Il governo è vicino alle preoccupazioni dei lavoratori”.

Ilva: la situazione

La speranza è che nei prossimi giorni si possa trovare un accordo tra le parti, per poter garantire a tutti dipendenti dell’Ilva il posto di lavoro, preservandone la dignità e il salario, in quello che si preannuncia “un autunno di fuoco” per la più grande acciaieria d’Europa. Il pensiero di Newsly.it va anche a tutte le famiglie di Taranto, che da anni, attendono speranzose di veder tutelato il loro diritto alla salute, tramite concrete azioni di risanamento ambientale.

 

Classe 1985, alessandrino di provenienza, ragioniere per il rotto della cuffia e bassista con puntualitá da "open bar", amo la carbonara, la cinematografia anni 80/90 e "Welcome to the Sky Valley" è il cd più bello del mondo!