Politica

“Impeachment a Trump: il motivo e cosa succede adesso

A gennaio inizierà il processo durante il quale verrà deciso se condannare e rimuovere Trump

Guai per Donald Trump. Il presidente degli Stati Uniti è stato incriminato per abuso di potere e per aver ricattato l’Ucraina chiedendo favori politici in cambio di aiuti militari. Con 230 voti a favore e 197 contro, la Camera americana ha approvato il primo dei due articoli dell’impeachment. Dei repubblicani 195 hanno detto no e due non hanno votato.

Trump è il terzo presidente Usa a finire a giudizio dopo Andrew Jackson nell’Ottocento e Bill Clinton agli inizi degli anni novanta. La Camera Usa ha anche approvato il secondo articolo dell’impeachment contro il presidente ovvero l’ostruzione del Congresso. Battaglia aperta quindi tra repubblicani e democratici.

I fatti

I fatti sono emersi durante la varie audizioni della Commissione Intelligence della Camera, con numerose testimonianze di ex funzionari e diplomatici dell’amministrazione. Trump ha chiesto al governo dell’Ucraina un favore ovvero indagare sulla famiglia del rivale democratico Joe Biden e anche su una presunta teoria che vedeva l’Ucraina sospettata di interferenze durante le elezioni Usa del 2016 a vantaggio dei democratici.

In cambio di quel favore Trump avrebbe rilasciato aiuti militari da quasi 400 milioni che aveva bloccato e che sono necessari a Kiev nel conflitto con Mosca. Gli aiuti furono versati all’indomani dello scoppio dello scandalo. La Casa Bianca avrebbe poi tentato di nascondere le prove insieme ai testimoni dello “scambio“. I democratici giudicano tutto ciò un vero e proprio ricatto degno di Impeachment.

I repubblicani dal canto loro affermano che non ci sono prove sufficienti e che queste accuse servono solo ad annullare le elezioni del 2016 vinte da Trump. Adesso la parola passerà al Senato dove si terrà il processo vero e proprio previsto per gennaio.

La Casa Bianca reagisce

La Casa Bianca reagisce con durezza all’impeachment. In un comunicato ha riferito l’azione della Camera “vergognosa e illegittima”. Il presidente ha detto di non aver fatto niente di male, di non sentirsi sotto accusa e che il paese va meglio di sempre. Nei giorni scorsi Trump aveva inviato una lettera allo speaker democratico della Camera Nancy pelosi dove accusava l’opposizione di voler sovvertire le elezioni e la democrazia. E si è detto convinto che i senatori faranno la cosa giusta ostentando una propria assoluzione.

 

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close