Musica

Io e te, disco di esordio di Michele Diemmi: Recensione

Parma è la città di provenienza di questo giovane cantautore che sogna la musica e per questo ha iniziato a scrivere e comporre. Le sue canzoni, come spesso nei debut album, parlano tutte d’amore. Le canzoni un po’ alla chitarra e un po’ alle tastiere, sembrano cercare una strada tradizionale ma anche seguono una sensibilità e una linea emotiva molto ispirata da storie e frammenti di realtà.

“Come vorrei” come un tappeto chitarra e tastiere, arriva la voce ruvida alternata a quella melodica di Michele per mostrare la rabbia contro tutte le chiusure di lei, ma la speranza è di riuscire a portala in alto verso vette da dove sentirsi più sicura e lasciarsi andare.

“Preferirei” con una melodia quasi sussurrata da lontano all’inizio, la voce di Michele racconta della delusione che ci si trova in mano nonostante l’agognata libertà sia stata conquistata.

“L’ultimo silenzio” per raccontare di due ex innamorati che si stanno lasciando e ci si aggrappa all’ultima speranza di non perdere tutto aspettando l’ultimo silenzio parafrasandolo.

La batteria apre “Amami” e sembra emulare il battito cardiaco, per raccontare di quando si vorrebbe chiedere esplicitamente di essere amati come avevamo immaginato seguendo i nostri desideri, ma non si può fare.

“Fuori piove” usando il tremolio elegante e sentito dell’ugola, ci si immagina lei come la pioggia che finisce dappertutto e così spera di non asciugarsi perché significherebbe non esistere più e non distruggere più il silenzio, parafrasandolo. Un coro e il tocco del pianoforte rispondono alla richiesta emozionale, rimanendo così confortati dalla speranza di non perderla.

“L’unica (io e te)” una storia d’amore rimpianta dopo che sono passati tanti anni. Si ritorna indietro con la testa e ci si ritrova tra le mani sono una montagna di “e se…”. Ormai però è troppo tardi. Una parte strumentale nella seconda parte della canzone, chitarra e batteria sembra riflettere sul da farsi ma non arriva nessuno spiraglio.

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close