Attualità

Jogging vietato in Campania, si potrà solo passeggiare

Vincenzo De Luca torna sui suoi passi e, con una nuova ordinanza, vieta di fare jogging riducendo l'attività motoria consentita in strada alle passeggiate.

Con un nuovo intervento la Regione Campania ha vietato il jogging in strada poiché tale attività non è compatibile con l’uso di mascherina.

Dopo le polemiche sulla troppa gente in strada nel primo giorno di allentamento delle restrizioni, la Regione ha reso noto che l’ordinanza del 27 aprile non apriva al jogging in strada ma solo alle passeggiate. Il divieto di svolgere allenamenti a intensità maggiore nasce dal fatto che tali attività, per ovvi motivi, non possono essere svolte utilizzando la mascherina che, come specificato nell’ordinanza, è obbligatoria.

Inoltre correndo si ha più possibilità di emettere goccioline a causa della respirazione più intensa e, pertanto, il rischio di contagio, se non si rispettano in maniera scrupolosa le distanze di sicurezza, è molto più elevato.

Quali attività motorie si possono svolgere?

Le uniche attività motorie all’aperto consentite in Campania per il momento son la camminata o qualsiasi altro esercizio che possa essere svolto senza rischi con la mascherina e a distanza di sicurezza dalle altre persone. In parole povere resta consentite solo le passeggiate in solitaria, notizia che delude le speranze dei tanti runner campani che avevano sperato di poter tornare alle loro attività dopo un lungo stop.

Restano in vigore le fasce orarie per svolgere le attività motorie consentite ma anche questo rappresenta un punto dolente: infatti, ridurre gli orari in cui potersi muovere, soprattutto in centri urbani molto grandi, può avere l’indesiderato effetto di aumentare gli assembramenti anziché diminuirli.

È molto probabile che le polemiche non si arresteranno e la speranza di tutti è che non si venga a creare una situazione tale da richiedere un nuovo incremento delle restrizioni che sarebbe pesante da digerire per la popolazione e per l’economia. Per il momento la Campania ha saputo tutto sommato difendersi dal contagio ma bisognerà ripetere se non migliorare lo stesso risultato anche di fronte a eventuali nuove ondate.

Tag

Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.
Back to top button
Close
Close