Moda

Le nuove fragranze femminili autunno-inverno 2017/18

Le ultime proposte nel settore dei profumi per l’ autunno-inverno 2017/2018 sono davvero tante. Fra tante alternative non è facile decidere quella più adatta a noi, perciò ecco pronta una piccola selezione e descrizione di alcune novità per orientare in questa scelta.

I nuovi profumi del momento

Passiamo in rassegna le principali nuove fragranze autunno-inverno.

Gabrielle Chanel: perfetto per una donna anticonformista, coraggiosa, che non ha paura di esprimere se stessa e le proprie idee. Il cuore del profumo sono 4 fiori bianchi: fiore d’ arancio, ylang-ylang, gelsomino e tuberosa di Grasse. Il nome è un omaggio alla stilista della maison prima che diventasse Coco, quando era semplicemente Gabrielle.

My Burberry Blush: una fragranza fruttata e fiorita, che esprime romanticismo e vivacità; le dolci note della melagrana glassata e della mela croccante si uniscono alla freschezza del limone e della rosa, per sfumare nelle note di fondo del gelsomino e del glicine.

Twilly d’ Hermes: pensato soprattutto per le ragazze, va benissimo per qualunque donna dallo spirito imprevedibile e sbarazzino. È un profumo floreale con una sferzata di vivacità data dallo zenzero. Il nastrino che circonda la boccetta, con le tipiche fantasie colorate della maison, potrà essere utilizzato come braccialetto o elastico per raccogliere i capelli in molteplici acconciature.

Miss Dior (Eau de Parfum): per la donna elegante, seducente, raffinata, capace di vivere l’ amore in ogni sua sfaccettatura. Per rendere l’ idea di cos’è questo profumo basta citare le parole del suo creatore François Demachy: “Ne ho modellato il carattere floreale per renderlo sensuale ed evocativo. Doveva scoccare come un colpo di fulmine. Una dichiarazione d’amore all’amore!”.

Gucci Bloom: una fragranza floreale a 360°; immergendosi in una nuvola di questo profumo si verrà all’istante catapultati in un giardino fiorito; ideale per chi vuole ritrovare il contatto con il verde e la natura. La sua nota olfattiva particolare, leggermente cipriata, è data dal Rangoon Creeper, rara pianta del sud dell’India, usata qui per la prima volta in profumeria.

Kenzo World: fiorito e ambrato, la peonia e il gelsomino vengono avvolti nell’aura di mistero dei cristalli di Ambroxan. Per chi vuole esprimere il proprio spirito originale e creativo.

Elie Saab, Girl of Now: pera, mandarino, pistacchio e mandorla, un mix fantastico per un profumo inebriante e travolgente come la personalità di una ragazza o di una donna di oggi, sicura di sé, audace, spensierata e ambiziosa.

Bulgari, Goldea, The Roman Night: fragranza floreale muschiata. Peonia nera, gelsomino notturno e muschio nero si fondono in un profumo dal fascino misterioso e magnetico, da vera Dea della notte immersa nell’ affascinante atmosfera della città Eterna.

Dolce e Gabbana, The One (Eau the toilette): tutta la gioia e la spontaneità del Sud Italia è racchiusa in una boccetta. È un profumo dolce e femminile : giglio bianco, pesca bianca, fiori d’ arancio e vaniglia creeranno una scia seducente e ammaliante.

Nuove Fragranze Donna: Profumi per l'estate 2017 8

Come scegliere il profumo adatto a noi?

La cosa migliore è farsi guidare dall’istinto. L’ olfatto è il più evocativo dei 5 sensi: agisce con potenza sul nostro cervello; può suscitare forti sensazioni e richiamare alla mente remoti ricordi. Se una fragranza produce emozioni o rievoca ricordi che ci procurano un senso di felicità e positività, allora quello è il profumo che fa per noi.
Quest’autunno le fragranze proposte sono tante e una più buona dell’altra. Anche le persone che sono fedeli da anni al loro profumo potrebbero cogliere l’ occasione per provare qualcosa di nuovo, chissà che magari una nuvola di profumo riesca a fargli fare un tuffo nel passato, facendo emergere esperienze ormai dimenticate!

Tag

Gaia Cattaneo

Studio Storia presso l’ Università degli Studi di Milano. Le miei passioni sono leggere e scrivere. Amo viaggiare e partecipare a mostre ed eventi. “Non si scrive perché si ha qualcosa da dire ma perché si ha voglia di dire qualcosa”, Emil Cioran
Back to top button
Close
Close