Musica

“Lo Stretto Necessario”, l’album d’esordio di Giacomo Scudellari

Un disco solare, onesto che spera, riuscendoci, di trovare la chiave della leggerezza per raccontare di stati d’animo tenendo per mano storie semplici e per questo importantissime.

La voce di Giacomo Scudellari che scrive e compone ispirandosi ai cantautori degli anni 70 come De Gregori o Cochi e Renato, fa venire fuori particolarità e ne fa un inno alla vita, alla positività, come in “A poter scegliere” dove elenca se ipoteticamente si potesse scegliere secondo i propri desideri. Ma conclude che alla fine ‘un cielo blu gli andrebbe bene’, chiudendo quindi contento comunque.

Un disco pieno di amici musicisti d’eccezione: Francesco Giampaoli (Sacri Cuori, Classica Orchestra Afrobeat) al basso e alla produzione e registrazione; Diego Sapignoli – già negli Aidoru – alla batteria e percussioni; Stefano Pilia – già Massimo Volume, Settlefish – alla chitarra elettrica, ebow; Marco Bovi alle chitarre acustiche e classiche; Enrico Farnedi alle trombe; Nicola Peruch al pianoforte, sinth; Christian Ravagnoli al pianoforte, mellotron e fisarmonica e Caterina Arniani ai cori.

giacomo-scudellari

“Un mese di provenza” immaginare una donna che crea i suoi profumi con tutti le sue caratteristiche per accogliere e prendersi cura degli altri, soprattutto i cari che si sentono inabissati dalla vita, ma parafrasandolo sui suoi sogni personali dovrà metterci i lucchetti.

“Addio alla tristezza” far diventare la tristezza quasi una persona che si deve abbottonare una camicia e andarsene e l’augurio, parafrasandolo, è di avere intorno un sacco di rondini per scriverci una poesia. Atmosfera hawaiana come “Cose che sai” ma qui c’è anche il finale con le trombe festanti.

La title track per raccontare il bicchiere mezzo pieno perché seguendo un ‘non è mica detto’ che fa quasi da intercalare si guarda alla vita con dolcezza e uno spirito pulito e positivo.

Un disco insomma da mettere su nei momenti di consolazione, per notare l’altro punto di vista, che magari porterà al cambiamento.

 

Tag
Back to top button
Close
Close