Lucio Battisiti, a 20 anni dalla morte tutti i suoi album in vinile

La Sony sta per ripubblicare in vinile tutti gli album di Lucio Battisti.

battisti

La mia musica è un po’ un contrasto di come io vedo la vita e la vita è fatta di cose contrastanti. Coesiste il desiderio di fare musica molto bella e il desiderio di fare musica molto popolare, il desiderio di fare musica molto rozza perché possa arrivare ad un pubblico che non ha voglia per niente di spremersi la testa e magari ha pure ragione. Tutto questo crea, di volta in volta, delle strane cose che sono molto diverse da quelle che io mi ero immaginato in partenza, ma è questo il bello della musica, non si sa mai cosa esce fuori. È logico che, a volte, può venire fuori la canzonetta scema ma, in altri casi, da questo contrasto, da questa vita così caotica, possono nascere cose molto belle“.
Così parlava Lucio Battisti in una delle sue ultime interviste, nel 1979. Lucio nasce a Poggio Bustone il 5 marzo 1943 e muore, prematuramente il 9 settembre del 1998. Tutti noi, abbiamo ricordi delle canzoni di Lucio Battisti, che hanno attraversato il tempo e i cambiamenti e anzi, sono senza tempo. Molti di noi, si sono emozionati con le sue canzoni, hanno ripercorso ricordi e momenti indimenticabili. Battisti ha anticipato tendenze, è arrivato al pubblico pur non dialogando e rilasciando pochissime interviste e pochissimi concerti. Ha messo la musica al centro della sua carriera, ha parlato attraverso quella. Come non ricordare, inoltre, i lavori con il grande Mogol che sono una pagina importantissima della nostra cultura musicale e popolare.
“Io e Mogol ci siamo presi l’impegno di capire se siamo capaci a scrivere cose semplici e, al tempo stesso, forti.
Semplice e forte diceva Lucio. Semplice ,come le cose che arrivano al cuore e forte, come la sua musica capace di resistere ai decenni e rimanere attuale ed unica.
“Quello che cerco di fare io è un incrocio fra disco-music e melodia” – continua Battisti – “Non è una cosa così semplice, la melodia fa un po’ a pugni con il ritmo ribattuto. Quando sono riuscito a fare “Ancora tu”, che in Italia era dato come un disco ‘perdente’, è stato un esperimento interessante. Non è stato un disco ‘disco’, è stata una canzone con un certo ritmo. Idem per “Una donna per amico”: non era tanto disco-music, però c’era questo ritmo martellante, imperativo, come lo si può chiamare… […] Credo che ogni lavoro debba essere concepito in modo da potersi rinnovare continuamente, trovare nuovi stimoli in modo che non diventi noioso o pesante. Perché se no, a maggior ragione nel nostro campo dove si pensa che ci sia una libertà di azione e una libertà d’invenzione, diventerebbe ridicolo”.
Così, rinnovandosi continuamente ,Battisti è arrivato ad esplorare un pò tutti i generi della canzone,dal funk-soul al rock, blues, fino ad arrivare ad un pop elettronico unico e presente ancora oggi in molti artisti moderni.

I suoi album in vinile

In occasione del ventesimo anniversario della sua scomparsa, Sony Music vuole ricordare il il grandissimo artista, rilasciando i suoi album originali in formato Vinyl Replica, in edizione limitata.
Per i fan dell’artista, ci sarà anche il libro ” Il nostro caro Lucio”. Storia, canzoni e segreti di un gigante della musica italiana dello scrittore Donato Zoppo. Questo libro racconta la vita dell’artista fino alla sua scomparsa, e inserisce testimonianze e curiosità di chi gli è stato vicino . Lo scrittore mette in risalto l’aspetto emotivo delle canzoni di Battisti. Le sue parole, le sue frasi fanno parte della cultura sentimentale di noi italiani, hanno accompagnato amori, paure, inquietudini, difficoltà e fanno parte del nostro intimo. Il paradosso è che le canzoni di Battisti sono tanto conosciute quanto “introvabili”. Non sono presenti su Spotify,iTunes, non si trovano su Youtube. Fu, probabilmente, volontà dell’artista che decise di tenersi lontano dalle scene, dai media, lasciando parlare i suoi dischi, come leggiamo in un’altra delle sue interviste. «Quello che non voglio fare è parlare con gente che per professione si impiccia dei fatti privati delle persone, come se avesse una malattia che la costringe a riferire tutto, tutto quello che ascolta o vede o gli si racconta, magari in confidenza».

Per celebrare i vent’anni senza Lucio Battisti,propongo dieci dei suoi più celebri successi e delle sue frasi più belle e significative, (che sono solo una piccolissima parte della sua eredità), per lasciar parlare, come lui voleva, solo la sua musica.

1) I GIARDINI DI MARZO
“cieli immensi e immenso amore”.
2)LA CANZONE DEL SOLE
” chiaro e trasparente, come me”.
3) EMOZIONI
“Domandarsi perche’ quando cade la tristezza
,in fondo al cuore ,come la neve non fa rumore”
4)IO VORREI..NON VORREI..MA SE VUOI
” Come può uno scoglio arginare il mare?”
5) E PENSO A TE
” Io non dormo e penso a te.”
6)MI RITORNI IN MENTE
” Un sorriso,e ho visto la mia fine sul tuo viso”.
7) ANCORA TU
” Ma non dovevamo vederci più?”
8)EPPUR MI SON SCORDATO DI TE