Lupo-Nicolai Argento Beach Volley, il Brasile vince 2-0 (Rio 2016)

Lupo-Nicolai Argento Beach Volley, il Brasile vince 2-0 (Rio 2016)

Si ferma ad un passo dal traguardo, il sogno della coppia Lupo/Nicolai, la vittoria va alla coppia Alison/Bruno: sono i due brasiliani a vincere l’oro olimpico.

Dopo una bellissima partita giocata sotto la pioggia, Alison Cerutti e Bruno Oscar Schmidt, battono per 2 set a 0 Paolo Nicolai e Daniele Lupo. La partita è stata vinta dalla coppia brasiliana e non persa da quella italiana, perché perdere è ben diverso dall’essere sconfitti.

Va dunque alla coppia Alison/Bruno la medaglia d’oro olimpica del beach-volley, medaglia meritata perché  i due brasiliani hanno dimostrato per l’ennesima volta di essere i più forti. Non è arrivato l’oro, ma bisogna essere felici per l’argento conquistato dalla coppia azzurra Lupo/Nicolai i quali hanno riempito d’orgoglio tutta l’Italia sportiva.

Vanno fatte nostre le parole proferite nel commento di fine partita da parte di Andera “Lucky” Lucchetta“Ora bisogna piangere di tristezza, ma poi queste devono diventare lacrime d’orgoglio”.

1^ set: Dopo un bellissimo e combattutissimo set, nel quale i quattro giocatori in campo, giocano con ardore e tecnica, la vittoria  va alla coppia Alison/Bruno che se lo aggiudicano col punteggio di 21 a 19.

2^ set: Set abbastanza combattuto anche questo, ma nella parte finale del set Alison Cerutti e Bruno Oscar Schmidt prendono il largo e sconfigono Paolo Nicolai Daniele Lupo per 21 17.

Il Brasile vince l’oro olimpico, l’Italia vince l’argento, mentre il bronzo è stato conquistato dall’Olanda.

Leggi anche:

Daniele Lupo dal Tumore alla Finale di Beach Volley a Rio 2016

Video Replica Finale Beach Volley Olimpiadi di Rio 2016

 

 

Sognatore per antonomasia, ritiene che la verità vada ricercata e non creduta per sentito dire. Appassionato di testi antichi i quali ritiene vadano letti per ciò che raccontano, senza volerne alterare il significato, con figure retoriche inesistenti, per veicolare una verità che non esiste.
Poeta spesso malinconico.
Ama definirsi “Destista”