“Madre” Nuovo Singolo Gianluca Grignani: Audio e Testo

È una profonda preghiera laica quella racchiusa nel nuovo singolo di Gianluca Grignani, intitolato Madre. Il brano, in rotazione radiofonica a partire dal 26 Agosto, è una delle rock ballad più intense composte dal cantautore milanese nei suoi vent’anni di carriera. Proprio per celebrare questo traguardo, lo scorso 6 Maggio, è stata pubblicata la raccolta Una strada in mezzo al cielo, nella quale sono presenti duetti con i più importanti esponenti del panorama musicale italiano, tra cui: Ligabue, Elisa, Luca Carboni, Max Pezzali, Carmen Consoli, Fabrizio Moro, Annalisa Scarrone, Briga e Federico Zampaglione.

“Tengo molto a questo brano – racconta l’autore di Destinazione paradiso – perché sono legato a mia mamma, ma lei mi ha cresciuto in un modo un po’ freddo, senza sorridermi in un certo senso, usando una metafora. L’ha fatto perché era convinta fosse giusto così. Solo che non è vero, per questo da padre mi viene spontaneo dare delle carezze affettuose ai miei figli, perché a me quelle carezze sono mancate”. Questo a dimostrazione che anche dietro l’immagine del più duro rocker, si può nascondere un fragile poeta.

MADRE audio

MADRE testo

Madre accarezzami la testa
che non riesco più a dormire
oh madre accarezzami i capelli
che è merito tuo se sono così belli
ma madre dimmi cosa mi è successo
che da un momento all’altro mi son trovato perso
senza padre e in mezzo all’universo

E le mie mani lo sai tremano ancora in mezzo ai guai
tremano ancora come quelle di un bambino
ma sono forte vedrai e così forte non mi hai visto mai
dovrò soltanto stare attento alla sera
sul cuscino che insieme alle paure
la maschera non cali piano

Oh madre ti ricordi da bambino
quando con la mano inseguivo piano
la bianca scia di un aeroplano
tra i palazzi del cielo di Milano
oh madre dimmi cosa mi è successo
che da un momento all’altro mi son trovato perso
senza pace in mezzo all’universo

E le mie mani lo sai tremano ancora in mezzo ai guai
tremano ancora come quelle di un bambino
ma sarò forte vedrai che così forte non mi hai visto mai
dovrò soltanto stare attento alla sera
sul cuscino che insieme alle paure
la maschera non cali piano

LEGGI ANCHE 

Ligabue “G come Giungla”: Testo nuovo singolo (video)

Appassionato di scrittura, consumatore seriale di musica e spettatore interessato di tutto ciò che è intrattenimento. Innamorato della vita e della propria città (Milano), ma al tempo stesso viaggiatore incallito e fantasista per vocazione.