Televisione

Masterchef 2018: Simone Scipioni è il vincitore della settima edizione

Simone Scipioni è il settimo Masterchef italiano, titolo conquistato in una sfida a due con Kateryna Gryniukh.

È nato nel 1996 a Civitanova Marche e vive a Monte Cosaro, in provincia di Macerata. “Mi faranno patrono, mi intitoleranno una via” commenta a caldo dopo la vittoria il 21enne studente di Scienze dell’Alimentazione e Gastronomia. Per ora, ha deciso Simone, metterà in pausa l’Università, per fare esperienza sul campo prima di aprire una propria attività.
Il carattere timido di Simone, probabilmente, è stato influenzato dalla non semplice infanzia e adolescenza, insieme con sua sorella Roberta sono cresciuti senza genitori.

Dopo la vittoria a Masterchef sogna di aprire una attività nel mondo della gastronomia o della ristorazione, preferibilmente a Monte Cosaro. Il suo ristorante, ha fatto sapere, sarà nel suo paese, in campagna, circondato dall’orto e dagli animali: “un agriturismo con i piatti della tradizione e materie prime del territorio” . Il “giovane vecchio” come veniva definito dai giudici ,in particolare dalla chef Antonia Klugmann, è sempre apparso come un ragazzo introverso e senza carisma, ma ha dimostrato sangue freddo e grandi miglioramenti rispetto gli inizi nel programma.
Onore anche a Kateryna, che ha saputo raccontare se stessa e la sua terra d’origine , portando in tavola ingredienti che affollano il suo passato,addizionati di quel tocco  di eleganza che le appartiene come dono naturale. Fatale le è stato servire ai giudici una rana pescatrice poco cotta.

Masterchef Italia 5 diretta tv e streaming gratis (1ª puntata)

Il menù della vittoria di Simone:s=mc2

La formula ha spiegato Simone ,signifioca Simone= Mc come Monte Cosaro e Mc come Masterchef, per cui mc al quadrato.

Quello che non strozza ingrassa, olive all’ascolana ripiene di ciauscolo e pollo con concassè di pomodori, vaniglia e aneto.

Guarda come vongolo , un gazpacho di sedano, mela e peperone verde con tzatziki e vongole affumicate.

Il cappellaccio matto, dei cappellacci  ripieni di melanzane con fonduta di parmigiano, olio al basilico e polvere di pomodoro.

Voulez vous Quaglier avec moi? petto  di quaglia cotto nel burro chiarificato con foie gras, spinacino e timo su salsa olandese.

Dolce far niente una pasta di meringa sbriciolata, con mousse di ricottae burrata, salsa di pesche cotta in vasocottura al rosmarino.

Tag
Back to top button
Close
Close