Politica

Ministro UK per la brexit si dimette. Futuro del governo a rischio?

Il ministro per la Brexit del governo May, David Davis, ha si dimette dal suo incarico. E’ una decisione ponderata a causa della svolta che hanno preso i negoziati con l’Ue, ritenuti dall’ex ministro troppi soft e a svantaggio britannico. Al suo posto, quasi in maniera scontata, è stato scelto Dominic Raab, 44 anni, attuale viceministro della Giustizia ed elemento di spicco del partito conservatore per la Brexit. La sua nomina viene interpretata come l’ennesimo tentativo della May di salvare la propria leadership e i sempre più fragili equilibri interni al governo e al Partito Conservatore.

No ad una linea soft verso Bruxelles

Non condividevo piano May, sarei stato di troppo. Era chiaro che sarei stato di troppo” afferma l’ex ministro. “Era molto chiaro che io non sostenessi il piano di Theresa May sulla Brexit. Penso che la May sia un buon primo ministro ma abbiamo strategie diverse. Dovevo andarmene perché ritengo che quel piano sia troppo debole. Stiamo cedendo troppo e troppo facilmente. È pericoloso“. Per quanto riguarda il suo successore, il quale dovrà portare avanti i negoziati con l’Ue, sostiene: “May ha bisogno di un ministro sulla Brexit che la aiuti a realizzare la sua strategia“.

may-europa-devis

L’EU continua i negoziati con Londra

Sulle dimissioni di Davis non abbiamo commenti specifici” sostiene il portavoce della Commissione UE, Margaritis Schinas. “Continueremo a negoziare in ‘bona fide’ con la premier Theresa May per raggiungere un accordo“.

Elezioni Inglesi?

Le dimissioni del ministro per la Brexit rischiano di essere l’inizio di un effetto domino in grado di frantumare l’esecutivo, la maggioranza e la compattezza del Partito Conservatore. “Il Partito Conservatore è ormai nel caos”, specifica il presidente del consiglio nazionale del Labour, Ian Lavery. Il governo britannico si prepara al suo momento più difficile.

Tag

Davide D'Aiuto

Laureato in Scienze dell'Informazione editoriale, pubblica e sociale, amo scrivere più di qualunque altra cosa al mondo. Il giornalismo è la mia vita. Quando non scrivo viaggio e scatto fotografie perché adoro scoprire il mondo e leggerlo come un libro.
Back to top button
Close
Close