Musica

Negramaro a SanSiro “Amore che Torni Tour Stadi 2018”: Scaletta

Ritorno dei Negramaro a SanSiro, dopo 10 anni intensi dal loro debutto in quel tempio e un altro San Siro nel 2013.
L’ aggettivo che descrive questo loro ritorno è “Dinamico” come suggerisce Giuliano, frontman della band, in un’ intervista per Sky Tg24 prima dell’ evento.
Una grande festa proprio come l’ aveva pensata la band salentina con spazi per la riflessione e per l’ intimità.

In 50 mila ad aspettarli sotto un palco dinamico composto da enormi cubi (sopra ai quali è posizionata la band) che percorrono grazie a un innovativo sistema wireless non solo il palco ma anche la larga passerella che li “lancia” tra il loro pubblico.
Una cornice di megaschermi, che troviamo anche sui cubi, proietta immagini e visual di ultimissima generazione contribuendo così a creare, insieme alla musica, uno show con un impatto visivo coinvolgente e un dinamismo senza eguali.

Un tour diverso, gli amici salentini hanno voluto usare proponendo molti dei loro successi in una chiave nuova.
Primo tra tutti “estate”, uno dei brani storici della band, proposto volutamente con un arrangiamento interamente nuovo e fresco.
Azzardo apprezzato dai fan che hanno supportato la band anche nella fase iniziale della festa dove gravi problemi audio hanno ripetutamente messo sala prova il frontman, togliendogli completamente l’ audio per la durata di un’ intera canzone.

Il momento più toccante è rappresentato da un omaggio sulle note di “senza fiato” con il quale i Negramaro hanno voluto ricordare la cantante dei Cranberries prematuramente scomparsa lo scorso anno.
Giuliano era sospeso a 15 metri di altezza in un duetto virtuale con la voce della sua grande amica; un volo che ha voluto rendere eterna una grande donna con la dedica “we miss you” e la loro foto proiettata sugli schermi sul finire del pezzo.

“La prima volta in cui l’abbiamo provata in studio per questo tour ci sono venuti i brividi e ci siamo resi conto davvero di quanto si fosse fatta piccola per lasciare spazio a noi. Abbiamo pensato molto a come realizzare questo omaggio, ma alla fine abbiamo deciso di proiettare semplicemente una nostra foto insieme sul finire del pezzo, in segno di grande rispetto” ha raccontato Giuliano.

“Nuvole e lenzuola”, preceduto da “Meraviglioso”, cover storica di Modugno e da “Mentre tutto scorre”, è il brano con il quale hanno concluso lo show facendo esplodere il pubblico in un tripudio di emozioni.

Scaletta:

Fino all’imbrunire
Ti è mai successo
La prima volta
Estate
Sei tu la mia città
Il posto dei santi
Mi basta
Amore che torni
Attenta
Parlami d’amore
Per uno come me
L’amore qui non passa
Solo per te
Solo 3min
Sei
Lo sai da qui
Tutto qui accade
L’immenso
Via le mani dagli occhi
Ci sto pensando da un po’
Senza fiato
Meraviglioso (cover Domenico Modugno)
Mentre tutto scorre
Nuvole e lenzuola

Prossime date:

30 giugno Roma
5 luglio Pescara
8 luglio Messina
13 luglio Lecce

E’ stata la forza dell’amore a riempire e a travolgere i fan di San Siro in un alternarsi di emozioni.
Alla domanda “L’amore torna da dove?” citando il nome scelto per il tuor (“L’ Amore che Torni Tour Stadi 2018” organizzato da Live Nation), Giuliano risponde: “Dal pubblico. E torna sempre davvero forte. Il recupero delle energie e quello che ci da energia per i nuovi progetti si chiama pubblico. Finché non lo vedi non ti rigeneri. Va anche detto che ci vorrebbe ogni mattina per alzare l’autostima.”

Jennifer Caspani

Impugnò per la prima volta la penna a 2 anni e da li capì che non l' avrebbe mai più lasciata, della serie "Verba volant, scripta manent" citando Caio Tito.Scoprì poi, che la magia nasce cucendo su misura ad un' ottimo testo una melodia alquanto perfetta e da li cominciò ad appassionarsi alla musica.Realizzò solo al suo primo concerto (MDNA di Madonna) che la vera alchimia é una perfetta unione tra testo, melodia ed emozioni che si possono trasmettere e provare solo in live.Motto: "la vera felicità si prova sotto a un palco"

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close