Non è un paese per i giovani: Trailer e Uscita del film di Veronesi

Nuovo film di Veronesi questa volta un drammatico

Non è un paese per i giovani: Trailer e Uscita del film di Veronesi

Altro film italiano in uscita per il mese di marzo, diretto stavolta da un regista di fama consolidata, specializzato soprattutto nel genere della commedia italiana: Giovanni Veronesi. Ma quello che porta stavolta sul grande schermo è invece un film drammatico. Il titolo del suo nuovo film è Non è un paese per i giovani e arriverà nelle nostre sale il 23 marzo. Il film è interpretato da Filippo Scicchitano, Sara Serraiocco, Giovanni Anzaldo, Sergio RubiniNino Frassica.

Sandro, ventenne gentile e insicuro, sogna di diventare scrittore. Luciano è invece coraggioso e brillante, ma con un lato oscuro. Entrambi lavorano come camerieri di un ristorante, entrambi sono convinti- come tanti giovani d’oggi- che l’Italia non offre alcuna opportunità. Pur così diversi tra loro, ma con tante cose in comune, tra i due ragazzi nasce un’amicizia. I due, presi da un’euforica incoscienza, decidono di cercare fortuna a Cuba, nuova frontiera della speranza dove tutto può ancora accadere. Il progetto è quello di aprire un ristorante italiano che offra ai clienti anche il wi-fi, quasi inesistente sull’isola. L’incontro con Nora, una strana ragazza, segnerà una svolta decisiva: i due scopriranno che esiste anche un modo glorioso di perdersi, che darà un senso profondo alla fatalità che li ha fatti incontrare.

Condividi
Laureato in DAMS all'Università degli Studi di Torino e diplomato in Filmmaking presso la Scuola Holden, ha frequentato diversi workshop di sceneggiatura e critica cinematografica, formando la sua esperienza anche presso alcuni Festival cinematografici (Torino, Bobbio e Venezia). Già redattore presso "Darkside Cinema" e "L'Atalante", è autore di racconti, soggetti e sceneggiature, nonché regista di un cortometraggio, "Interno familiare". Nel 2016, un suo soggetto per lungometraggio è stato tra i finalisti al Pitch in The Day- Concorso Opere prime.