Attualità

Ordinanza della Regione Campania, autocertificazione e no agli spostamenti tra province

La Regione Campania alza l’asticella: stop ai trasferimenti interprovinciali e ritorno dell’autocertificazione. La cura De Luca all’aumento dei contagi

Arrivano anticipazioni sull’ordinanza 82 del Presidente della Regione Campania: il testo ufficiale è atteso nelle prossime ore ma dalle anticipazioni pare evidente quanto siano stringenti le nuove decisioni del Governatore che prevedono, tra l’altro, lo stop agli spostamenti interprovinciali se non per comprovate esigenze. L’Ordinanza prevederà la limitazione degli spostamenti interprovinciali, se non giustificati da motivi di lavoro, sanitari, scolastici, socio-assistenziali, approvvigionamento di beni essenziali.

Resta confermato il coprifuoco dalle 23.00 alle 5.00, così come anticipato, così come l’apertura delle scuole elementari che, fermo restando le prescrizioni sanitarie, potranno riprendere con le lezioni in presenza.

Il modello di autocertificazione in Campania

Nuova zona rossa in Regione, ecco dove

Questo il testo del comunicato: “Per quanto riguarda le altre decisioni relative alla prevenzione e al contrasto dell’epidemia, la Regione ha chiesto al Ministro della Salute di condividere e disporre la sospensione di ogni attività dalle 23 alle 5 del mattino e degli spostamenti dalle 24, a partire dal prossimo fine settimana, sull’intero territorio regionale. Per i dati epidemiologici provenienti dall’area metropolitana di Napoli e in relazione al Comune di Arzano, sarà disposta l’istituzione della zona rossa nello stesso Comune di Arzano. Infine, per contrastare assembramenti e ridurre comunque la mobilità, l’Ordinanza prevederà la limitazione degli spostamenti interprovinciali, se non giustificati – previa autocertificazione – da motivi di lavoro, sanitari, scolastici, socio-assistenziali, approvvigionamento di beni essenziali.”

Tag
Back to top button
Close
Close