Cinema

Oscar 2017 gaffe: licenziato responsabile della Busta Sbagliata

Non si placa la bufera scatenatasi in seguito alla gaffe avvenuta al termine della notte del 27 febbraio condotta da Jimmy Kimmel. L’inchiesta sulla busta sbagliata agli Oscar 2017, che ha portato all’annuncio erroneo di La La Land vincitore anziché Moonlight, ha individuato artefice della gaffe Brian Cullinan, che per distrazione ha consegnato la busta sbagliata a Warren Beatty.

Purtroppo, in seguito a questo clamoroso errore, l’Academy ha perso credibilità (non che prima navigasse in buone acque) entrando nel mirino dei social, di battute ironiche e di memes vari. Un cinema inglese ha addirittura ironicamente proiettato 10 secondi di La La Land per poi scusarsi per il disagio e proiettare Moonlight. Purtroppo non tutti rideranno di questa storia. Chi non riderà di certo è Brian Cullinan, licenziato- o meglio “bandito”- in seguito al suo fatale errore insieme alla collega Martha Ruiz.

L’Academy of Motion Picture Arts and Sciences sta ancora valutando se preservare intatto il rapporto con la PriceWaterhouseCoopers, che da ottant’anni segue la gestione delle votazioni e delle schede dei vincitori, ma nel frattempo ha deciso che Brian Cullinan e Martha Ruiz, i due partner di PwC che da anni consegnano le schede agli Oscar, non lavoreranno mai più alla cerimonia. La PwC offre la sua consulenza agli Oscar da 83 anni, il che include la gestione e la custodia delle buste con i nomi dei vincitori. Secondo i media americani, in ogni caso, il 29 marzo la PwC e l’Hollywood Film Academy si incontreranno per decidere del futuro della loro collaborazione.

Tag

Claudio Rugiero

Laureato in DAMS all'Università degli Studi di Torino e diplomato in Filmmaking presso la Scuola Holden, ha frequentato diversi workshop di sceneggiatura e critica cinematografica, formando la sua esperienza anche presso alcuni Festival cinematografici (Torino, Bobbio e Venezia). Già redattore presso "Darkside Cinema" e "L'Atalante", è autore di racconti, soggetti e sceneggiature, nonché regista di un cortometraggio, "Interno familiare". Nel 2016, un suo soggetto per lungometraggio è stato tra i finalisti al Pitch in The Day- Concorso Opere prime.
Back to top button
Close
Close