Oscar 2017, Migliore Attrice non Protagonista a Viola Davis

Oscar 2017, Migliore Attrice non Protagonista a Viola Davis

E’ Viola Davis ha trionfare come Migliore Attrice non Protagonista agli Oscar 2017. Il momento tanto atteso si apre con un video riassuntivo di tutte le vincitrici storiche del premio alla Migliore Attrice Non Protagonista (l’ultima vincitrice è stata Alicia Vikander per The Danish Girl).

Poi il conduttore Jimmy Kimmel introduce Mark Rylance che ricorda i nomi delle cinque candidate: Viola Davis (Barriere), Naomie Harris (Moonlight), Nicole Kidman (Lion), Octavia Spencer (Hidden Figures) e Michelle Williams (Manchester by the Sea). And the winner is…Viola Davis per il film Barriere di Denzel Washington.

Le altre candidate applaudono soddisfatte. L’attrice vincitrice, emozionatissima e con indosso un elegante abito rosso, raggiunge il palco e ritira il premio direttamente dalle mani di Mark Rylance. Per lei, era già la terza nomination dopo Il dubbio The Help. La sua voce vibra di emozione, gli applausi in sala la incoraggiano ad andare avanti col discorso.

Viola Davis e Julia Roberts insieme nel Film Small Great Things

OSCAR 2017: PREMIO GIUSTO PER VIOLA DAVIS

Un premio assicurato e stra-meritato: nel film di Denzel Washington fornisce un’interpretazione sofferta e dolorosa. La sua stessa emozionalità vibrante- un marchio di fabbrica tutto suo, pare- la sentiamo nel corso del suo discorso. E del resto il film è stato molto apprezzato negli Stati Uniti proprio per la forza drammatica che scaturisce dalle prove attoriale dei due protagonisti. Già premiata con il Golden Globe, l’attrice ringrazia il regista presente in sala Denzel Washington.

Laureato in DAMS all’Università degli Studi di Torino e diplomato in Filmmaking presso la Scuola Holden, ha frequentato diversi workshop di sceneggiatura e critica cinematografica, formando la sua esperienza anche presso alcuni Festival cinematografici (Torino, Bobbio e Venezia). Già redattore presso “Darkside Cinema” e “L’Atalante”, è autore di racconti, soggetti e sceneggiature, nonché regista di un cortometraggio, “Interno familiare”. Nel 2016, un suo soggetto per lungometraggio è stato tra i finalisti al Pitch in The Day- Concorso Opere prime.