Papa Francesco a Genova, visita all’Ospedale Gaslini

Francesco - Il Papa della gente: Anticipazioni Prima Puntata (7 dicembre 2016) 1

Non si ferma la lunga giornata genovese di Papa Francesco, infatti dopo gli incontri mattutini nel capoluogo ligure con i lavoratori dell’Ilva, il clero e i giovani, Papa Francesco pochi minuti fa ha fatto visita all’ospedale pediatrico Gaslini. La struttura, una delle più importanti d’Italia, ha accolto il pontefice il quale ha fatto visita ai bambini ospitati nei vari reparti dell’ospedale.

Siamo ormai abituati alla “normalità” di Papa Francesco nel fare telefonate, infatti lo scorso mercoledì 24 maggio, al termine della consueta udienza del mercoledì, il Santo Padre Francesco, ha chiamato all’emittente Radio Fra le Note. Il motivo della chiamata è strettamente legato alla visita di Papa Francesco al Gaslini, infatti è stato proprio Don Roberto Fiscer, il parroco-dj a ricevere la chiamata del pontefice durante una diretta radiofonica su Radio fra le note, peraltro emittente da lui fondata nel 2013. Il momento è stato abbastanza emozionante proprio perché dopo “essersi qualificato” come solo lui sa fare, Papa Francesco ha parlato ai bambini ospiti del Gaslini, rivolgendosi loro queste parole: “Non vedo l’ora di vedervi.Pregate per me, e mi raccomando, state bravi”.

Anno Santo Straordinario, Papa Francesco: “Dedicato alla Misericordia”

La visita di Papa Francesco all’Ospedale pediatrico

Al temine del pranzo, con 130 persone tra cui alcuni senza fissa dimora, una delegazione di migranti e 11 detenuti, Papa Francesco si è portato all’ospedale pediatrico Gaslini dove ha visitato i vari reparti dell’ospedale e anche il reparto di terapia intensiva. “Perché soffrono i bambini ? Non so darmi una spiegazione allora guardo il crocifisso e rimango li”, con queste parole Papa Francesco ha esordito davanti l’entrata dell’Ospedale Gaslini. E proprio all’inizio del suo discorso il pontefice ha ricordato la figura di Gerolamo Gaslini, fondatore dell’omonimo istituto affermando che: “Egli – Gaslini -, per onorare la figlia morta in tenera età, lo fondò spogliandosi di tutti i suoi beni: società, stabilimenti, immobili, soldi e persino della sua abitazione. Pertanto questo Ospedale, conosciuto e apprezzato in Italia e nel mondo, ha un ruolo speciale: continuare ad essere simbolo di generosità e di solidarietà”.  Prima di salutare e impartire la benedizione ai presenti, il Pontefice si è rivolto agli operatori sanitari: “Perciò incoraggio tutti voi a svolgere la vostra delicata opera spinti dalla carità, pensando spesso al “buon samaritano” del Vangelo: attenti alle necessità dei vostri piccoli pazienti, chinandovi con tenerezza sulle loro fragilità, e vedendo in loro il Signore. Chi serve i malati con amore serve Gesù che ci apre il Regno dei cieli”. Al termine della visita all’ospedale, il Pontefice si è portato in Piazzale Kennedy per la messa di chiusura.