Attualità

Papa Francesco, oggi 13 marzo 2019: sei anni di pontificato

Incredibile ma vero, il 13 marzo del 2013, Jorge Mario Bergoglio venne eletto Papa della Chiesa Cattolica con il nome di Francesco. Fu proprio in quella occasione che affacciandosi dal loggione centrale della basilica di San Pietro, si ebbe come l’in pressione che stavano cambiando molte cose. Dal nome, Francesco come il poverello di Assisi, alla rinuncia dell’ermellino fin dal primo istante, Papa Francesco ha conquistato tutti anche quando questi ultimi non lo conoscevano.

La rinuncia

Dopo aver ripetutamente esaminato la mia coscienza davanti a Dio, sono pervenuto alla certezza che le mie forze, per l’età avanzata, non sono più adatte per esercitare in modo adeguato il ministero petrino… Per questo, ben consapevole della gravità di questo atto, con piena libertà, dichiaro di rinunciare al ministero di Vescovo di Roma, Successore di San Pietro, a me affidato per mano dei Cardinali il 19 aprile 2005″. Con queste parole, il 28 febbraio 2013 alle ore 20:00, si concluse ufficialmente il pontificato di Papa Ratzinger così si diede il via alla Sede Vacante e quindi al Conclave.

Il conclave e l’elezione di Papa Francesco

Cosa sarebbe successo dopo la chiusura del pontificato di Ratzinger ? Circolavano tutta una serie di voci attorno a quello che sarebbe potuto succedere dopo la chiusura del pontificato di Ratzinger ma nessuno si sarebbe mai aspettato un Papa “venuto dalla fine del mondo”. Così dopo varie consultazioni, al quinto scrutinio il collegio dei cardinali elesse al soglio pontificio: Jorge Mario Bergoglio, il quale, spiazzando tutti, prese il nome del poverello d’Assisi, Francesco. È stata la prima volta che un papa ha assunto un nome fuori dagli schemi, la prima volta di un papa gesuita ed ancora la prima volta di un papa sudamericano.

Sei anni di Santità

In sei anni di pontificato, sono visibili ben 10 punti messi in atto da Papa Francesco: Vivere la fede è incontrare Gesù, La preghiera: Dio è Padre nostro e noi siamo fratelli, Lasciarsi trasformare dallo Spirito Santo, La Chiesa sia sempre la casa aperta del Padre, Un continuo rinnovamento spirituale, La fede vera ci mette in crisi, La carità sopra ogni cosa, La santità è la misericordia di tutti i giorni, Il cristiano è nel mondo ma non del mondo, L’aiuto di Maria e la lotta contro il diavolo.

papa-selfie-social-20181024083534.thumbnail.cropped.1000.563
Papa Francesco fa un selfie con i ragazzi

In  sei anni di pontificato Francesco ha pronunciato oltre 1000 omelie,  Oltre 1200 i discorsi pubblici, 264 le catechesi all’udienza generale del mercoledì. E inoltre: 342 piccole catechesi sul Vangelo della domenica e dei giorni festivi in occasione di Angelus e Regina Caeli; due Encicliche (Lumen fidei, completando quanto iniziato da Benedetto XVI, e Laudato si’); tre Esortazioni apostoliche (Evangelii gaudium, testo programmatico del pontificato e fondamentale per comprenderlo nella sua ampiezza, e poi Amoris laetitia e Gaudete et exsultate); 36 Costituzioni apostoliche (tra cui Episcopalis communio, Veritatis gaudium e Vultum Dei quaerere); 27 Motu proprio; una Bolla per l’indizione del Giubileo della Misericordia (Misericordiae Vultus). Il Papa ha presieduto tre Sinodi, due sulla famiglia e uno sui giovani, ha compiuto 27 viaggi internazionali con 41 Paesi visitati (di tutti i continenti tranne l’Oceania) e 24 viaggi in Italia. Tra le numerose canonizzazioni ricordiamo i tre Papi, Giovanni XXIII, Paolo VI e Giovanni Paolo II, e poi Madre Teresa di Calcutta, mons. Romero, i due pastorelli di Fatima Giacinta e Francisco Marto, i genitori di Santa Teresa del Bambino Gesù, le due mistiche Angela da Foligno ed Elisabetta della Trinità. Infine, ha un account Twitter in 9 lingue (@pontifex), con 48 milioni di follower, e su Instagram (Franciscus) ha quasi 6 milioni di follower.

Con numeri del genere non resta che dire: auguri Papa Francesco!

Tag

Giovanni Azzara

Studente in Teologia, appassionato di tutto ciò che riguarda la storia, in particolare quella della Chiesa e anche di giornalismo. Sognatore e visionario, speaker radiofonico e amante dell'arte in generale. Il mio sogno ? Diventare vaticanista! Twitter: @Azzarag91

Articoli correlati

Back to top button
Close
Close