Paul Verhoeven: Elle e nuovi progetti

I nuovi progretti del regista del fortunato film "Elle"

Vi abbiamo già parlato del film Elle del regista olandese Paul Verhoeven, film arrivato da Cannes, poi visto in anteprima fuori concorso al Torino Film Festival, e in seguito vincitore di numerosi premi, inclusi due Golden Globe (miglior attrice in un film drammatico e miglior film straniero), nominato all’Oscar per la migliore attrice protagonista e vincitore di due Premi César (miglior film e migliore attrice). Il film uscirà nelle nostre sale il 23 marzo. Il regista Paul Verhoeven è in questi giorni a Roma per presentare il suo film, dove ha parlato della genesi del film tratto dal romanzo di Philippe Dijan, rivelando di aver pensato subito a Isabelle Huppert per questo ruolo.

Il regista, che ha da poco concluso anche la sua esperienza di Presidente di Giuria al Festival di Berlino, dove ha trionfato l’ungherese On Body and Soul di Ildikò Enyedi, ha inoltre raccontato dei suoi progetti futuri. Tra questi c’è Bless Virgin (titolo provvisorio), film basato sul saggio della storica Judith C. Brown Immodest Acts – The life of a lesbian nun in Renaissance Italy, che racconta la vera storia della mistica lesbica Benedetta Carlini. Ancora una volta, una storia di donne, ambientata stavolta nella Toscana medievale. E non è finita: il regista del film scandalo degli anni 90′ Basic Instinct ha inoltre in preparazione il suo Jesus of Nazareth, una revisione della figura di Cristo, visto non più in chiave biblica bensì come un rivoluzionario e un attivista politico, prendendo spunto dal Vangelo secondo Marco.

Condividi
Laureato in DAMS all'Università degli Studi di Torino e diplomato in Filmmaking presso la Scuola Holden, ha frequentato diversi workshop di sceneggiatura e critica cinematografica, formando la sua esperienza anche presso alcuni Festival cinematografici (Torino, Bobbio e Venezia). Già redattore presso "Darkside Cinema" e "L'Atalante", è autore di racconti, soggetti e sceneggiature, nonché regista di un cortometraggio, "Interno familiare". Nel 2016, un suo soggetto per lungometraggio è stato tra i finalisti al Pitch in The Day- Concorso Opere prime.