Pensioni, le News di oggi (27 gennaio 2017): Ape, Precoci e Quota 41

Riforma Pensioni, le News di Oggi (3 Ottobre 2016): Rampelli accusa

In seguito alle dichiarazioni di Tito Boeri, i lavoratori precoci intensificano il dibattito sull’Ape e la Quota 41. Ecco tutte le ultime notizie riguardo alle pensioni, Ape e Quota 41,  e tutte le questioni sollevate dai lavoratori precoci per poter averre diritto alla pensione anticipata.

Molte sono le richieste dei lavoratori precoci dopo le dichiarazioni di Tito Boeri, presidente dell’Inps riguardo la Riforma delle Pensioni 2017. In primo luogo, i lavoratori precoci stanno combattendo per avere riconosciuta la Quota 41, ossia avere accesso alla pensione anticipata per quanti hanno conseguito 41 anni di contributi, indipendentemente da quella che è l’età anagrafica. In seguito alle dichiarazioni di Boeri, i lavoratori precoci hanno avanzato all’Inps una serie di richieste, in primis Roberto Occhiodoro, amministratore della pagina Facebook “Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti”.

La prima richiesta riguarda la Quota 41 per tutti, il diritto, dunque, a tutti quelli che hanno versato 41 anni di contributi, di andare in pensione anticipata senza penalizzazioni. Al momento, questa opzione, è infatti consentita soltanto a chi ha delle particolari difficoltà e non a tutti.

Come seconda cosa, è stato criticato il sistema di flessibilità in uscita introdotto da Governo con la Riforma Pensioni. Ad essere criticato è infatti l’Ape, che obbliga un lavoratore a stipulare un ‘mutuo’ per poter andare in pensione anticipata. Critiche anche ai criteri secondo cui si giudica l’aspettativa di vita. Infine, secondo i precoci, il maggior danno per i giovani viene fatto con il sistema contributivo, cioè il metodo di calcolo dell’assegno pensionistico che ha preso il posto del sistema retributivo.

Laureata in Letteratura, Musica e Spettacolo, ha studiato Narrativa e Sceneggiatura cine-televisiva. Grande appassionata di libri, film e serie tv. La scrittura, in ogni contesto, è il suo modo preferito per esprimersi, dare forma ai concetti e condividerli con il mondo.