Oscar 2017: candidati migliori attori non protagonisti

I nomi degli attori candidati per il premio di "miglior attore non protagonista"

Oscar 2017: candidati migliori attori non protagonisti

Altra categoria molto importante per l’attesa notte degli Oscar 2017, quella del miglior attore non protagonista, premio vinto l’anno scorso da Mark Rylance per il film di Steven Spielberg Il ponte delle spie, battendo un favoritissimo Sylvester Stallone per Creed – Nato per combattere. Qui a differenza che per il Miglior Film Straniero e la migliore attrice non protagonista non c’è un vero e proprio favorito. Anzi- tutto sommato- i quattro contendenti se la giocano ad armi pari.

  1. Dev Patel- Lion- La strada verso casa: al momento risulta forse quello che sembrerebbe essere stato più spesso già premiato e in generale quello che è piaciuto di più al pubblico statunitense. Pur fornendo un’interpretazione abbastanza semplice, nel film di Garth Davis conquista con la simpatia ed in fondo è il vero protagonista del film, anche se il film non gli offre molte occasioni per mettersi alla prova.
  2. Mahershala Ali- Moonlight: altra interpretazione molto apprezzata la sua, in particolare dalla critica, e se la gioca molto bene con Dev Patel, su cui potrebbe benissimo avere una marcia in più. In Moonlight interpreta lo spacciatore di crack Juan, un macho da strada ma dal cuore generoso, l’unica figura paterna del piccolo Chiron.
  3. Michael Shannon- Animali notturni: fin dall’uscita in sala del film di Tom Ford, subito si è parlato della sua interpretazione del Detective Bobby Andes in Animali notturni. Tuttavia, non è forse il tipo di performance che l’Academy predilige, ma Michael Shannon è un attore molto apprezzato negli USA e non solo.
  4. Jeff Bridges- Hell or High Water: l’Oscar lo ha già vinto. Tuttavia, se Jeff Bridges vincesse l’Oscar per Hell or High Water sarebbe un colpo di scena neanche troppo inaspettato. In fondo, il film è la sua storia quella che racconta veramente, quella del suo personaggio.
  5. Lucas Hedges- Manchester by the Sea: ottima spalla per un tormentato Casey Affleck, ma difficilmente vincerà, anche se non è escluso: premi ne ha ricevuti anche lui quanti Ali e Patel, e le candidature plurime ricevute dal film di Kenneth Lonergan potrebbero giocare a suo favore. In Manchester by the Sea il suo è un personaggio che funziona anche al di là di quello di Casey Affleck.

Laureato in DAMS all’Università degli Studi di Torino e diplomato in Filmmaking presso la Scuola Holden, ha frequentato diversi workshop di sceneggiatura e critica cinematografica, formando la sua esperienza anche presso alcuni Festival cinematografici (Torino, Bobbio e Venezia). Già redattore presso “Darkside Cinema” e “L’Atalante”, è autore di racconti, soggetti e sceneggiature, nonché regista di un cortometraggio, “Interno familiare”. Nel 2016, un suo soggetto per lungometraggio è stato tra i finalisti al Pitch in The Day- Concorso Opere prime.