Premio Oscar 2017, Miglior Film: i Candidati

Sono 9 i film in lizza in una delle categorie dove c'è maggiore attesa di conoscere il vincitore.

Oscar 2017: candidati migliori attori non protagonisti

Ecco l’ultima categoria in vista degli Oscar 2017, la più importante: quella per il miglior film. Un premio vinto l’anno scorso dal politically correct Il caso Spotlight di Thomas McCarthy. Ricordiamo che il premio per il miglior film non viene storicamente attribuito al regista, bensì ai produttori. E anche quest’anno, in questa categoria, i film in lizza sono ben 9:

  1. La La Land: difficile pensare che il pluri-premiato La La Land possa non aggiudicarsi la statuetta per il miglior film. Da quando è stato visto per la prima volta al Festival di Venezia non ha sbagliato un colpo. E al pubblico internazionale è piaciuto, nonostante i detrattori.
  2. Moonlight: vincitore del Golden Globe 2016 nella categoria “film drammatico”, è il film politically correct dell’anno. Tuttavia, non ha mai battuto il film di Chazelle e la competizione agli Academy è troppo ampia per un piccolo film indipendente.
  3. La battaglia di Hacksaw Ridge: forse il più serio rivale di La La Land, anche se Mel Gibson l’Oscar lo ha già vinto, e per di più con un film patriottico. Se non scippa il miglior film, scipperà la migliore regia.
  4. Manchester by the Sea: le quote del film di Kenneth Lonergan sono sorprendentemente in salita e il film potrebbe trovarsi nel giro delle prossime a scalzare Jenkins e Gibson. Sicuramente verrà votato dai detrattori del film di Chazelle, ma merita davvero di vincere come miglior film?
  5. Il diritto di contare: Il film ha incassato molto negli Stati Uniti, forse per via della tendenza black quest’anno, ma non può certo competere con i primi 4.
  6. Arrival: il film di Villeneuve meriterebbe di essere quotato tanto quanto quello di Chazelle. Purtroppo, che si ricordi, nessun sci-fi ha mai vinto per il miglior film. Inoltre, ci sarebbero volute altre candidature. Al limite, riesce a soffiare all’ultimo il premio per la migliore regia.
  7. Barriere: nonostante sia semplicemente “teatro filmato”, Denzel Washington e Viola Davis piacciono e la componente black ha il suo perché, specie se si vogliono mettere a tacere le accuse lanciate lo scorso anno dal regista afro-americano Spike Lee. Tuttavia, se c’è un film black che può farcela è Moonlight.
  8. Lion- La strada verso casa: i presupposti per vincere li avrebbe tutti: buoni premi, storia strappalacrime e molto altro. Ma non ha avuto abbastanza candidature.
  9. Hell or High Water: per questo film è già una vittoria essere qui con diverse candidature inaspettate. Ma è oscurato dalla fama dei suoi potenti rivali e difficilmente vincerà qualcosa.

Laureato in DAMS all'Università degli Studi di Torino e diplomato in Filmmaking presso la Scuola Holden, ha frequentato diversi workshop di sceneggiatura e critica cinematografica, formando la sua esperienza anche presso alcuni Festival cinematografici (Torino, Bobbio e Venezia). Già redattore presso "Darkside Cinema" e "L'Atalante", è autore di racconti, soggetti e sceneggiature, nonché regista di un cortometraggio, "Interno familiare". Nel 2016, un suo soggetto per lungometraggio è stato tra i finalisti al Pitch in The Day- Concorso Opere prime.