Prison Break 5: il ritorno di Scofield la rinascita di Miller

Grazie al personaggio di Scofield e al suo ritorno in Prison Break 5, Miller è riuscito a superare la depressione

prison break

Ritorna su Fox Channel la serie tv cult “Prison Break” con Wentworth Miller nel ruolo di Michael Scofield: sette anni dopo la fine della quarta stagione è ritornato in Usa, e presto in Italia, con i nuovi episodi di questa serie, una specie di sequel.

Le anticipazioni di Prison Break 5

La quinta stagione ha debuttato in Usa il 4 aprile e vede la “resurrezione” del suo protagonista Michael Scofield interpretato da Wentworth Miller, che veste i panni di questo ingegnere famoso per le sue fughe e con il corpo coperto di tatuaggi. Paul Scheuring, autore e produttore della serie, ha dichiarato che si è ispirato all’Odissea di Omero per creare questi nuovi episodi. Alla fine della quarta stagione il protagonista Michael Scofield era morto e la moglie incinta. I nuovi episodi parlano della rinascita di un uomo che dopo sette anni ha un unico desiderio, ovvero quello di tornare da sua moglie e dal figlio mai conosciuto. Ecco spiegata l’ispirazione dall’Odissea.

La rinascita di Wentworth Miller con Prison Break

Wentworth Miller, portavoce di molte battaglie omosessuali del movimento LGBT sin dal suo coming out del 2003, ha suggerito alla produzione di far ritornare in vita il suo personaggio a cui lui è particolarmente affezionato e che lo ha aiutato a superare dei suoi brutti periodi esistenziali. La lavorazione dei nuovi episodi è stata complessa e lunga, hanno girato in varie location, come lo Yemen e il Marocco. I temi presenti nei nuovi episodi sono gli stessi che hanno decretato il successo di “Prison break” negli anni passati: la famiglia, il recupero degli affetti, gli errori da scontare, i sacrifici che la vita impone.

Prison Break 5, Spoiler Prima Puntata: che fine ha fatto Michael Scofield?

Il personaggio di Micheal Scofield ha aiutato l’attore a superare il suo momento di depressione e ritrovarlo per lui è stata come una rinascita, dopo varie vicissitudini personali, come i vari tentativi di suicidio e la bulimia. Ora Wentworth Miller è fuori da questo inferno anche grazie a “Prison break”. All’attore sta a cuore mandare il messaggio che dalla depressione si può guarire ma bisogna avere il coraggio di chiedere aiuto. La serie tv “prison break” piace ad un pubblico trasversale perché unisce atmosfere da thriller con dialoghi profondi che svelano la complessità della natura umana e della società.

Sono Daniela Merola, giornalista, blogger, scrittrice e presentatrice eventi culturali, sono ufficio stampa di librincircolo.it e ricominciodailibri.it, sono socia della libreria iocisto. Sono appassionata di spettacolo, teatro e editoria, amo il calcio e il tennis. La comunicazione è la mia forza, mi piace mettermi alla prova con le presentazioni e la recitazione.