Attualità

Procedura di Infrazione UE contro l’Italia per debito eccessivo sospesa

La procedura di infrazione contro l'Italia per debito eccessivo potrebbe essere sospesa dalla Commissione europea.

Nella giornata di grandi cambiamenti che si è vissuta a Bruxelles oggi è arrivata una buona notizia per il nostro Paese: infatti, poco fa è arrivata l’ufficialità della decisione da parte della Commissione europea di sospendere la procedura di infrazione per debito eccessivo contro l’Italia.

La decisione è probabilmente frutto dei provvedimenti del Governo che hanno fatto recuperare sette miliardi e mezzo che l’Europa ha visto come un gesto di buona volontà da parte del nostro Paese, inoltre questo è un momento di passaggio e la Commissione europea, oggi ancora presieduta dall’uscente Junker, potrebbe aver preferito non prendere una decisione così importante  in una fase come questa.

junker

Procedura di infrazione sospesa: perché?

Cerchiamo insieme di capire perché la procedura di infrazione è stata sospesa e cosa c’è da aspettarsi nel futuro. In primo luogo, come detto, a sciogliere un po’ la tensione tra Italia e Unione Europea è stata l’assestamento di bilancio messo in atto dal Governo che, attraverso il congelamento dei ”risparmi” da Reddito di Cittadinanza e Quota 100 e qualche taglio, ha permesso di tagliare il deficit per il 2019 di oltre sette miliardi di euro.

Questo gesto ha rasserenato i rapporti con l’Europa oltre a cambiare notevolmente lo scenario dei conti pubblici, rendendo pressoché impossibile al momento da parte della Commissione un provvedimento grave contro l’Italia che prende ossigeno in vista di un legge di Bilancio per il prossimo anno che non poche criticità porterà al Governo. A frenare la Commissione europea, probabilmente, c’è anche la fase di transizione che gli organismi europei stanno vivendo: infatti, dopo le elezioni europee è tempo di nuove nomine. Non è stato facile trovare la quadra a Bruxelles e, pertanto, in una fase così delicata non deve essere stato giudicato opportuno emettere un provvedimento così duro nei confronti di un Paese fondatore come l’Italia.

Tag

Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.
Back to top button
Close
Close