Renzi contro Ballarò e DiMartedì: “Fanno meno ascolti di Rambo”

Che Matteo Renzi ce l’abbia su con Ballarò DiMartedì è risaputo, tanto che si parla di un “editto toscano” per estromettere Massimo Giannini da Rai3, per il fatto che spesso i due talk del martedì affrontino temi e ha ospiti che molto spesso contro le posizioni del governo, a partire dagli esponenti della minoranza del Partito Democratico, raccontando solamente, secondo il premier, ciò che va male del paese.

Renzi ha spesso criticato duramente le posizioni raggiunte dai due programmi, tanto da boicottarne gli inviti, specialmente con Giovanni Floris, e per via della cifra ideologica raggiunte dai talk di Rai3 La7, il premier-segretario non ha perso l’occasione di infierire sui due programmi sfottendoli pubblicamente alla direzione del PD e su Twitter.

“La 107° replica di Rambo ha battuto negli ascolti i due talk show del martedì – dice Renzi alla direzione del PD – Sono simili: di tutti e tre si conosce il finale, ma la gente preferisce Rambo che almeno è stato scritto meglio, dagli americani”. 

Dichiarazioni forti che hanno portato Massimo Giannini, conduttore di Ballarò, a rispondere nel suo editoriale d’apertura: “Noi facciamo solo il nostro lavoro nel bene e nel male, Rambo ce lo andiamo a vedere al cinema”. Risponde così l’ex-vicedirettore di Repubblica davanti alle telecamere Rai; mentre invece Floris pone la questione all’interno del dibattito tanto che a dare la risposta più secca ci ha pensato il direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio: “Renzi non va nei talk show perché ha paura di confrontarsi con i 5 stelle”. Una risposta veritiera, apparentemente, ma che ormai sa di mantra ideologico per l’allievo di Indro Montanelli.

Ma non sono bastate le repliche tanto che via Twitter replica facendo riferimento a un’altra replica, trasmessa da Rete4 quella sera dando il colpo di grazia, indicando pure i dati di ascolto: “Rambo2 5,5%, DiMartedì 4,7%, Ballarò 4,4%. E fra una settimana c’è Rambo3”.

Uno sfottò non da poco che si è fatto alla quale ha replicato anche il direttore di Rai3 Andrea Vianello in audizione alla Commissione di Vigilanza RAI: “Le parole di Renzi mi dispiacciano e non le condivido”. Confermando inoltre che rifarebbe la scelta di Giannini per la conduzione di Ballarò.

Ma le repliche al premier non bastano, anche perché chi di replica ferisce di replica perisce, e i due talk ormai racimolano briciole, intanto martedì 29 settembre, andrà in onda Rambo 3.