Renzi vince le Primarie Pd 2017: Risultati Finali e Discorso

Matteo Renzi vince in maniera netta le primarie del Pd e torna segretario del Pd e candidato premier, come da regolamento dello Statuto. «Un gigantesco grazie a tutti» sono le prime parole dell’ex premier che poco prima delle 23 si presenta ai microfoni dal Nazareno per parlare della vittoria e dei voti ottenuti. Matteo Renzi incassa dunque una netta vittoria, con oltre il 70% dei voti, mentre il secondo, Andrea Orlando, si ferma al 20%. Michele Emiliano, al terzo posto, non va oltre il 7%.

Primarie Pd: la vittoria di Renzi

Il voto finale dell’affluenza, non ancora ufficiale nemmeno dopo tre ore dalla chiusura dei seggi, oscilla tra 1,9 e 2 milioni di voti. Tanti, se si considera che alla vigilia già un milione di voti era considerato un buon risultato. «Oggi – ha detto l’ex premier – abbiamo fatto qualcosa di straordinario, la democrazia è la possibilità di scegliere, grazie ai volontari, chi vi ha preso in giro non vi conosce. Il primo grazie ad Andrea Orlando e Michele Emiliano».

 

Primarie Pd: Renzi e il lavoro fatto

Durante la prima intervista dopo l’ottimo risultato delle primarie, Matteo Renzi ha, ancora una volta, posto l’accento sul lavoro fatto quando era al governo: «Ha vinto tutto il Pd ma soprattutto quello che non si è vergognato delle cose fatte in questi anni, della legge sul dopo di noi, delle unioni civili, della legge sul lavoro, perché se ci sono 700mila posti di lavoro in più non possiamo far finta di vergognarcene, il Jobs act è una delle cose più straordinariamente di sinistra fatte».

La segreteria del Pd

Matteo Renzi ha ringraziato Orfini che ha gestito il partito in questo periodo di “vacatio” e adesso si appresta a tornare al timone del Pd. Il numero due, con il ruolo dunque di vicesegretario, sarà Maurizio Martina, già ministro dell’Agricoltura del governo Gentiloni. Lo stesso Martina, intervistato prima del premier, ha detto che non si dimetterà da ministro per fare il vicesegretario.