Politica

Riforma Pensioni, le News di Oggi (4 Ottobre 2016): Ultime Opzione Donna

Siamo giunti al 4 ottobre 2016, ma la riforma delle pensioni non si ferma. Anche oggi sono in programma diverse news, che noi di Newsly.it vi mostreremo. L’opzione donna rimane in primo piano.

Dopo l’incontro tra Governo e Sindacati sembra tutt’altro che risolta la questione riforma delle pensioni. I sindacati infatti considerato inadeguate le cifre messe a disposizione dal governo (6 miliardi in tre anni) e vorrebbero un ulteriore sforzo per dare ai futuri pensionati ciò che meritano. Andiamo a vedere tutte le news a riguardo di oggi 4 ottobre 2016.

Riforma Pensioni, News opzione donna

Per quanto riguarda l’opzione donna, la Armillato, portavoce del gruppo Facebook “Comitato Opzione Donna”: ”Per tutte le donne che non conoscono la storia di questo Comitato e soprattutto non ne conoscono il percorso ne gli attori e lamentano il fatto che i rappresentati politici non supportano le cause dei lavoratori, specie riguardo ad Opzione Donna, elenco i parlamentari di Camera e Senato che hanno appoggiato e continuano ad appoggiare la causa e che hanno lavorato molto e molto duramente, affinché il diritto fosse ripristinato ed ora vigileranno sulle risultanze del Contatore…”.

Riforma Pensioni, le parole di Damiano

Cesare Damiano, Presidente della Commissione Lavoro alla Camera, si è espresso sui dati Istat e Inps riferiti all’occupazione in Italia. Tale dato, infatti, è inevitabilmente connesso con la riforma delle pensioni:

“Occorre anche aggiungere che le due fonti statistiche si basano su database diversi: indagine a campione sui posti di lavoro reali (Istat) e sui contratti di lavoro stipulati (Inps). La differenza consiste nel fatto che, nel secondo caso, lo stesso lavoratore può sottoscrivere più contratti di lavoro a termine nel corso dello stesso anno e risultate più volte occupato e licenziato. Non a caso questi dati in molti casi non convergono. Insistiamo sulla necessità che l’analisi delle tendenze occupazionali vada fatta considerando il medio-lungo periodo”.

LEGGI ANCHE:

Tag
Back to top button
Close
Close