Roberto Benigni contro Report: diffida al programma di Rai 3

Benigni diffida il programma di Rai 3 Report

Roberto Benigni

Dopo le polemiche della settimana scorsa tra Report e il PD sull’affaire riguardante il giornale L’Unità, questa volta a diffidare il programma d’inchieste di Rai 3 è niente po’ po’ di meno che il premio Oscar Roberto Benigni.

I FATTI

La diffida nasce dall’inchiesta realizzata da Report, dal titolo Che Spettacolo!, incentrata sugli incentivi della “tax credit” al mondo cinematografico, spesso però sfruttata più dalle banche che dalle società di produzione, e riguardo le condizioni in cui versano gli storici e monumentali studios di Cinecittà. Tra i protagonisti di questa inchiesta c’è pure l’attore e regista Roberto Benigni che aveva preso parte al progetto di un polo cinematografico a Papigno, frazione di Terni, usufruendo dei fondi, un centro che ambiva ad essere pari a quello di Cinecittà che però non fu mai portato a compimento e che addirittura ha creato un passivo di 5 milioni di euro; questa situazione porto Benigni a defilarsi dal progetto.

LE CONSEGUENZE

Benigni tra l’altro aveva accettato di farsi intervistare da Report, ma il fatto che la trasmissione abbia anticipato la scorsa settimana alcuni fatti che hanno coinvolto il Toscanaccio hanno spinto i legali di Benigni a presentare al programma di Rai 3 una lettera con una richiesta di risarcimento danni.

Laureato al DAMS ed ora iscritto al corso magistrale di “Culture, Formazione e Società globale”, presso l’Università degli studi di Padova, da tempo scrive di Tv, cinema, attualità e curiosità per diversi siti.