Attualità

Salvini, Facebook rimuove il video del citofono: “incitamento all’odio”

Grazie alle segnalazioni di diversi utenti, il video nel quale l’ex ministro citofonava al ragazzo tunisino è stato rimosso.

Aveva fatto discutere, e non poco, la deplorevole vicenda che aveva riguardato l’ex ministro e leader della Lega Matteo Salvini, il quale, accompagnato da una signora, citofonava ad una famiglia tunisina residente in uno dei palazzi del quartiere “Pilastro” alla periferia di Bologna. In quell’occasione, l’esponente leghista in piena campagna elettore per le regionali in Emilia – Romagna, a sostegno della candidata Borgonzoni, aveva accusato l’ignaro ragazzino tunisino, di anni 17, e l’intera famiglia di essere degli spacciatori. Il tutto ripreso da una diretta Facebook, il cui video è diventato virale in internet in brevissimo tempo, generando moltissime parodie.

facebook-video-salvini-rimosso

Nonostante, la famiglia del ragazzo avesse più volte richiesto la rimozione del video anche allo stesso Salvini, senza ottenere alcun risultato, ci ha pensato, però, Facebook stesso che grazie alla segnalazione di diversi utenti ha rimosso il video in questione con la seguente motivazione: “incitamento all’odio”. Il video, quindi, è stato rimosso questa notte, quindi sette giorni dopo il suo caricamento, perché “non rispetta gli Standard della comunità di Facebook in materia di incitamento all’odio”.

Criticato da più parti, anche dai suoi stessi alleati come Giorgia Meloni, l’ex ministro continua ancora a rivendicare l’accaduto ritenendo di aver agitato per conto degli italiani e che lo rifarebbe di nuovo.

Tag

Alfonso Fanizza

Storico-critico musicale, laureato al D.a.m.s. e in possesso di un Master in “Manager della gestione e organizzazione di eventi culturali e artistici”. Grande appassionato di musica, libri e cinema, con una particolare predisposizione al viaggio.
Back to top button
Close
Close