Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma: storia, festa e tradizioni

Il 29 giugno si celebrano i Santi Pietro e Paolo, patroni di Roma. 

Pietro è l’apostolo scelto da Gesù Cristo come fondatore della sua Chiesa. Paolo invece da persecutore dei Cristiani, divenne il primo Missionario di Cristo, dopo la conversione “sulla via di Damasco”, propagando il vangelo. I Santi Pietro e Paolo sono stati martirizzati a Roma, intorno all’anno 67 d.C. Questo fa di loro i patroni della Capitale.

Roma celebrano i suoi Santi protettori con la tradizionale “Girandola”. Si tratta di uno spettacolo pirotecnico voluto nel 1481 da Papa Sisto IV. In principio veniva utilizzata per celebrare l’incoronazione di un nuovo Pontefice poi fu allargata ad altri eventi. Nell’edizione della Girandola di quest’anno per il festeggiamento dei patroni romani San Pietro e San Paolo, lo spettacolo di fuochi d’artificio sarà accompagnata dall’esecuzione di alcuni brani di musica classica. Lo spettacolo pirotecnico durerà circa 16 minuti. Nella scaletta sono previsti le musiche di Rossini, da “La gazza ladra” e da “Il barbiere di siviglia” e il “Nessun Dorma” dalla Turandot di Puccini.

L’evento per la festa dei Santi Pietro e Paolo a Roma avrà inizio il 29 giugno 2016 alle 20.00 a Piazza del Popolo. 

LEGGI ANCHE 

Lelia Paolini è nata a Viareggio. Vive in Versilia con i tre figli, due gatti e un marito. Fra le sue più grandi passioni leggere, scrivere, ridere, viaggiare. Sogni nel cassetto: scrivere il romanzo del secolo e stabilirsi in un cottage in Scozia, vista Oceano.