Scandone Avellino, Spinelli si è dimesso: è Caos

Scandone Avellino, Spinelli si è dimesso: è Caos

Un fulmine a ciel sereno scuote l’ambiente cestistico ad Avellino. Valerio Spinelli, ex cestista con un’esperienza da playmaker in Irpinia e assunto qualche giorno fa come direttore sportivo della Scandone, ha deciso di terminare già il suo rapporto che lo legava alla società biancoverde.

“Con la dirigenza ho capito di avere delle tempistiche completamente diverse”. Questa è la motivazione che avrebbe portato il dirigente di Pozzuoli alle dimissioni anticipate e irrevocabili. Con l’addio di Spinelli, sarebbero in dubbio anche le posizioni di Antonello Nevola, direttore generale della compagine targata Sidigas, e di Pino Sacripanti, scelto dalla società come nuovo coach, ma non ancora ufficializzato.

L’addio di Spinelli è stato accolto con un certo stupore dai tifosi della Scandone, i quali si sono schierati subito dalla parte dell’ex capitano, scagliandosi, al contempo, contro la società, rea di aver condotto negli ultimi anni scelte errate e insensate. L’incertezza che regna ai vertici del sodalizio biancoverde, capeggiato da Giannandrea De Cesare, spaventa non poco l’intera piazza che, da ben quindici anni, vive il sogno della massima serie cestistica.

La Scandone Avellino, nata nel 1948, vanta nella sua storia una Coppa Italia (vinta nel 2008) e una partecipazione all’Eurolega, il principale torneo cestistico a livello continentale. Ora, gli irpini si apprestano a preparare il loro sedicesimo campionato consecutivo in Serie A. Senza, tuttavia, una programmazione e un’idea ben definite.

Diplomata in sociopsicopedagogia con formazione da Educatrice. Appassionata di Musica, Teatro, Cinema, Televisione e tutte le forme d' arte. Amo la scrittura e la lettura di qualsiasi notizia.