Sciopero Nazionale della Sanità (16 dicembre 2015): i servizi garantiti

caso di malaria a Trento

Mercoledì 16 dicembre 2015 è indetto uno sciopero nazionale della sanità, protagonisti quindi i medici. Ebbene si proprio loro, la categoria di professionisti indispensabili per i cittadini. In vista dello sciopero sono stati rinviati ben due milioni di visite, oltre a quarantamila interventi chirurgici. I servizi garantiti saranno gli interventi di emergenza. Uno sciopero abbastanza serio, i medici manifestano contro il malcontento legato alla sofferenza del servizio sanitario pubblico.

Ma quali sono le motivazioni dello sciopero? La goccia che ha fatto traboccare il vaso è che il governo ha bloccato le assunzioni di ben seimila impiegati, tra medici e infermieri. L’emendamento era però molto atteso e doveva essre finanziato con i risparmi derivanti da alcune parti della legge sulla responsabilità professionale dei medici, a firma di Federico Gelli. Invece sembra che il ministero dell’Economia non abbia ritenuto fattibile anticipare i 300 milioni per le assunzioni. Ecco il motivo delle agitazioni quindi, uniti a turni di lavoro impossibili e a stipendi sottopagati. Si spera che possano risolvere senza la necessita di un altro sciopero.

LEGGI ANCHE:

Sciopero Milano 14-16-17 Dicembre 2015 Autoguidovie, Atb e Trenord