Attualità

Sciopero unitario trasporti del 30 e 31 ottobre 2017

È una protesta a gran voce quella dei sindacati Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti per il settore della logistica che hanno indetto due giorni di sciopero, il 30 e il 31 ottobre. Le richieste: tutele, diritti, legalità, incremento della retribuzione e delle indennità, clausola sociale, internalizzazioni, superamento del subappalto, contrasto al distacco transnazionale, tutto contenuto nella piattaforma negoziale, in merito al rinnovo del CCNL scaduto ormai da due anni.

Le richieste dei lavoratori in contrasto con le aziende

Sostanzialmente i lavoratori si battono, con forza, chiedendo un unico CCNL di settore, che sia in grado di garantire aumenti salariali, regole e diritti precisi per i lavoratori.  Un contratto che sia in grado di garantire una maggiore legalità e la cessazione dello sfruttamento dei lavoratori.

Di contro, in sede di rinnovo contrattuale, le aziende chiedono più libertà di licenziamento, lavoro a chiamata, riduzione delle indennità di trasferta, eliminazione della responsabilità solidale nei cambi di appalto, aumento dell’orario di lavoro, nessun aumento agli stipendi.

Sono questi i motivi che hanno spinto le Organizzazioni Sindacali Nazionali ad indire uno sciopero unitario.

Mauro Scognamillo, segretario generale Fit Cisl Liguria ricorda infatti: “Questo sciopero arriva dopo la rottura del tavolo di trattativa nazionale, anche perché le richieste da parte datoriale di richieste a ribasso dei contratti non sono più accettabili e, con due giorni di sciopero vogliamo dare un segnale molto forte”.

In Veneto, sono stati organizzati alcuni presidi in luoghi strategici per il settore: il porto di Venezia, l’Interporto di Padova e l’Interporto di Verona, nei due giorni di sciopero.

A Vicenza FIT CISL e UILTRASPORTI unitariamente, hanno invitano i lavoratori del territorio ad aderire a tali iniziative e a al presidio organizzato presso Vicenza Ovest, giorno 30 ottobre 2017 dalle ore 06.00 alle ore 10.00.

A Genova i lavoratori sciopereranno dalle ore 00,00 del 30 ottobre alle ore 24,00 del 31 ottobre. I presidi in città saranno 14, quello principale sarà a Ponte Etiopia, e verranno organizzati presso tutti varchi portuali e in tutte le piattaforme logistiche.

Per le imprese che svolgono servizi essenziali, soggetti alla legge 146/90, lo sciopero è di 24 ore, oggi giorno 27 ottobre.

Così si esprimono Marco Gallo e Giovanni Cianccio

Spiega Marco Gallo, coordinatore regionale Filt Cgil Liguria “Si tratta di una mobilitazione molto faticosa per i lavoratori coinvolti, con molti presidi sul territorio. Le ripercussioni non saranno solo per le 48 ore dello sciopero, ma visto che sarà fatto a ridosso delle festività, in concomitanza anche con un fermo dell’auto trasporto, le merci potrebbero restare nei magazzini della logistica anche più di una settimana”.

Ad appoggiarlo Giovanni Ciaccio, coordinatore regionale logistica e trasporto merci UIL trasporti: “il contratto nazionale unico di settore ci ha sempre dato la garanzia di legalità, a questo si aggiunge anche la richiesta di un rinnovo, con un aumento economico per i lavoratori”.

 

Tag
Back to top button
Close
Close