Attualità

Scuole Chiuse per Coronavirus: in quali città e per quanto tempo

Molte città hanno deciso di chiudere le scuole per precauzione per il focolaio di Coronavirus venutosi a creare in Italia.

Il Coronavirus in Italia ha spinto molte città a prendere la misura cautelativa delle scuole chiuse. Ecco dove e per quanto tempo gli studenti rimarranno a casa.

Il Coronavirus è arrivato in Italia in maniera preponderante nelle ultime ore arrivando rapidamente a 132 contagi e due vittime. Tra le misure di prevenzione adottate dalle autorità c’è la scelta di tenere le scuole chiuse in molte città tra cui tutte quelle di Lombardia, Veneto e Piemonte che sono le Regioni che al momento sono quelle maggiormente coinvolte da focolaio. Anche Bolzano, come tutto l’Alto Adige, ha deciso di tenere chiuse le scuole e l’università.

Coronavirus in Italia: scuole chiuse per precauzione

Le scuole chiuse per precauzione contro il Coronavirus riguardano praticamente tutto il Nord Italia ma, appunto, si tratta di precauzioni per cercare di limitare il contagio che appare essere molto facile in ambienti ristretti come le scuole. Come detto, la durata di questo provvedimento è di circa una settimana poi si spera di essere nelle condizioni di poter riprendere le regolari attività con le dovute precauzioni.  Oltre che per le scuole, si è optato per la chiusura anche di molti luoghi pubblici nelle località interessate oltre che per il rinvio di eventi sportivi di grande richiamo come le partite di Serie A.

Per quanto riguarda il tema delle mascherine, gli esperti hanno segnalato l’inutilità di determinati modelli consigliando l’utilizzo di mascherine in grado di garantire un alto grado di filtraggio come, per esempio, le mascherine FFP3. L’unico consiglio che in questo momento è sensato dare è quello di fidarsi delle informazioni fornite dalle autorità sanitarie tenendo a bada il così detto fenomeno dell’Infodemia che può essere pericolosa quanto l’epidemia perché può portare a comportamenti irrazionali e, quindi, pericolosi. Medici e virologi continuano a sostenere l’esigenza di prendere precauzioni igieniche e comportamentali per evitare la diffusione del Coronavirus senza comportamenti irrazionali come, per esempio, quello assunto dal cittadino avellinese fuggito da Codogno per tornare nella sua Montefusco.

Tag

Emanuele Terracciano

Nato ad Aversa (CE) il 22 agosto 1994 e laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Collaboro con i siti di Content Lab dal 2015 occupandomi di sport, politica e altro.
Back to top button
Close
Close