Televisione

Sinistra Italiana: Sel ed ex Pd assieme

Nasce un nuovo partito. Si chiama Sinistra Italiana, e vedrà la presenza di membri di Sel e di ex del Pd, assieme per creare questa nuova organizzazione politica.

Ne faranno parte, nello specifico, gli esponenti di Sel e molti dei fuoriusciti dal Pd: ultimi in ordine di tempo gli ex dem Alfredo D’Attorre, Vincenzo Folino, Carlo Galli; a guidare la coalizione anche Stefano Fassina e Corradino Mineo; resta fuori causa, almeno per il momento, il democratico Pippo Civati. Ci sarà la presenza di alcuni membri del Movimento 5 Stelle? Potrebbero entrare a far parte della coalizione anche  i senatori Francesco Campanella e Fabrizio Bocchino, attualmente nel gruppo Misto di Palazzo Madama nella componente de L’Altra Europa con Tsipras.

Lunedì ci sarà la nascita formale del partito; stando agli ultimi dati, dovrebbero essere poco piu’ di 30 i deputati che ne faranno parte e ci sara’ anche, secondo quanto viene riferito, Claudio Fava, oggi nel Misto a Montecitorio, appartenente a Sel fino al giugno 2014.

Così ha parlato oggi Stefano Fassina, commentando la situazione: “Non siamo noi a fare il gioco della destra. Ci hanno accusato di questo ma non è così. Mi dispiace per quanto ha detto Bersani; gli rispondo che il gioco della destra lo fa chi fa la destra con il jobs act, con l’intervento sulla scuola, con l’Italicum, con la riforma del Senato e della Rai. Siamo Sinistra Italiana e abbiamo scelto un nome che rivendica una scelta di campo precisa. Siamo l’alternativa al liberismo da Happy days del segretario del Pd”.

Anche Nichi Vendola ha detto la sua, seppur non era presente, come Fassina, all’assemblea di Roma: “Oggi si costruisce un primo pezzo di ‘spazio pubblico’ di ciò che potrà e vorrà essere la sinistra che non cede né alle lusinghe del potere né alle seduzioni dell’impotenza vestita di minoritarismo. Se il lavoro torna ad essere merce, se i diritti sociali spariscono poco a poco, se la dignità delle persone diviene una variabile dipendente del mercato, se la democrazia viene ingabbiata nella retorica della governabilità e nel fascino di un ‘uomo solo al comando’, allora vuol dire che ‘fare la sinistra’ è l’urgenza di un’Italia spaccata tra Nord e Sud, frammentata in clan e corporazioni, umiliata dal malaffare che abita tutti i palazzi del potere”.

Tag

Lelia Paolini

Lelia Paolini è nata a Viareggio. Vive in Versilia con i tre figli, due gatti e un marito. Fra le sue più grandi passioni leggere, scrivere, ridere, viaggiare. Sogni nel cassetto: scrivere il romanzo del secolo e stabilirsi in un cottage in Scozia, vista Oceano.
Back to top button
Close
Close